FINANZIARIA: PRESENTATO EMENDAMENTO CHE FAVORISCE SOLO ALCUNE ORGANIZZAZIONI

Roma, 29 ottobre 2002. “Con un certo stupore abbiamo appreso che il Governo ha presentato un emendamento aggiuntivo alla Finanziaria in base al quale solo alcune organizzazioni di terzo settore (enti di assistenza e beneficenza ed enti religiosi) potrebbero ottenere la concessione di beni immobili dello Stato per perseguire le proprie finalità di interesse generale”. “Ci pare – commentano Edoardo Patriarca e Giampiero Rasimelli, portavoce del Forum Permanente del Terzo Settore – che all’interno del Governo regni un po’di confusione. Già nella precedente Finanziaria il Forum aveva proposto un emendamento dello stesso tenore che indicava tutte le realtà di terzo settore possibili beneficiarie nell’uso agevolato degli immobili dello Stato”. “A che pro un emendamento che premia solo alcune realtà e ne lascia altre fuori? Le Associazioni di Volontariato e quelle di Promozione Sociale, le Cooperative Sociali, le ONG….non sono altrettanto meritevoli?” Chiediamo – proseguono i portavoce – che Governo e forze politiche di maggioranza accolgano il sub-emendamento presentato dagli On. Fioroni, Del Bono e Bindi, che estende tali opportunità a tutti i soggetti previsti dalla legge 266/92 (volontariato) 383/2000 (associazionismo) dal ddl 460/97 (onlus) e dalla Legge 381/91”. “Per gli stessi motivi – concludono Patriarca e Rasimelli – siamo altresì preoccupati della proposta di Legge in discussione al Senato che, attraverso l’8permille, intende finanziare solo alcune associazioni definite “storiche” a discapito di tutte le altre. Auspichiamo che questo testo venga riformulato senza prevedere corsie privilegiate solo per alcuni”. Comunicato stampa 41/02