SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULLA LEGGE BOSSI- FINI

L’odierna sentenza della Corte sull’incostituzionalità di alcune parti della Legge Bossi-Fini – afferma Edoardo Patriarca portavoce del Forum del Terzo Settore – conferma tutte le perplessità che a suo tempo esprimemmo al Vice Presidente del Consiglio e nel corso di successive audizioni”.
Già nel documento approvato dal Consiglio Nazionale il 10 Aprile 2002 segnalammo sia la parziale incostituzionalità della Legge sia il ritorno ad un prevalente riferimento alle norme di ordine pubblico”.
“In quelle occasioni
– continua Patriarca – alcune forze politiche ci accusarono di essere faziosi e pregiudizialmente contro la linea del Governo”. “Oggi possiamo a buon diritto affermare che, se il Governo fosse stato un po’più attento ad ascoltare le competenze e l’esperienza delle organizzazioni sociali che lavorano specialmente sul fronte dell’immigrazione, si sarebbero evitate inutili lungaggini, continui ricorsi alla Corte Costituzionale ma, soprattutto, si sarebbe potuta dare al tema dell’immigrazione una soluzione improntata più sulla solidarietà, sull’accoglienza, sui diritti e sulle politiche d’integrazione”.
Ci auguriamo – conclude Patriarca – che la sentenza della Corte Costituzionale spinga l’attuale maggioranza a riaprire un confronto serio su questo e su tutti gli altri temi legati alle politiche sociali su cui già ci siamo espressi e che riproporremo nel nostro documento per il prossimo DPEF”.

comunicato stampa 25/04