PRESCRIZIONE DEI REATI: NORME CHE METTONO A RISCHIO LA LEGALITA’ E LEDONO IL PRINCIPIO D’UGUAGLIANZA DEI CITTADINI

Il Consiglio Nazionale del Forum del Terzo Settore riunito a Roma il 15 dicembre, ha preso in esame anche la grave situazione che si è venuta a creare con l’approvazione in Parlamento delle variazioni all’art 3 ex Legge Cirielli che modificano le norme sulla prescrizione di reati.
Il Consiglio Nazionale ha approvato in merito un ordine del giorno che “esprime viva preoccupazione per lo stravolgimento di un provvedimento importante che aveva come obiettivo la lotta alla criminalità. Le variazioni inserite, che determinano la riduzione dei termini per la prescrizione di reati quali usura, incendio doloso, furto aggravato, associazione mafiosa compresa quella armata, nonché corruzione, mettono a rischio il principio di legalità“.
Un’iniziativa – continua l’ordine del giorno – che si spiega solo unicamente con la rinnovata intenzione di introdurre norme “ad personam” per trarre d’impaccio individui “potenti” già ripetutamente condannati per reati gravissimi“.
Il Forum del Terzo Settore che ha fatto della difesa e della promozione della cultura della legalità uno dei suoi temi distintivi – si conclude l’odg – considera tali operazioni gravemente lesive del principio costituzionale di eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge“.

comunicato stampa 46/04
Roma, 16 dicembre 2004