EMERGENZA MAREMOTO E DONAZIONI: UN DECALOGO PER I DONATORI

In questo momento di drammatica emergenza gli italiani mostrano ancora una volta la loro grande generosità nei confronti di quelle popolazioni così tragicamente colpite dal maremoto.
Generosità che nella maggior parte dei casi si concretizza attraverso donazioni ed offerte in denaro.
Ma come districarsi tra le numerosissime raccolte di fondi che sono state avviate in questi giorni?
In attesa di una normativa specifica che aiuti il donatore sotto tutti gli aspetti, compreso quello fiscale (il riferimento è alla proposta di legge – attualmente ferma – n. 3459, conosciuta come “+ Dai – Versi” sulla deducibilità fiscale delle donazioni fatte alle onlus”) il portavoce del Forum del Terzo Settore Edoardo Patriarca propone un “decalogo” per individuare al meglio come scegliere a chi donare.
1) Preferire donazioni tramite conto corrente;
2) Chiedere una ricevuta per donazioni effettuate con denaro contante
3) Tener conto della reputazione che l’associazione oggetto della donazione detiene a livello nazionale o locale.
4) Onlus non è una garanzia assoluta di trasparenza, ma solo una categoria fiscale.
5) Chiedere o verificare – anche tramite Internet – se l’associazione pubblica i suoi bilanci.
6) Verificare la qualità del progetto cercando di capire se avrà un impatto sociale duraturo nel tempo.
7) Verificare se l’associazione rendiconta i risultati delle attività finanziate.
8) Se la donazione è fatta ad una onlus si può detrarre dalla dichiarazione dei redditi (nei limiti del 19% della cifra donata e con un tetto massimo di 2065,83 euro).
9) Verificare quanta parte delle donazioni che l’associazione riceve vengono destinate effettivamente al sostegno della causa promossa.
10) Evitare le donazioni “impulsive ” sollecitate dai tavoli lungo le strade, a meno che non siano per una campagna già conosciuta.

Roma, 4 gennaio 2005
comunicato stampa 02/05