TREMONTI CI RIPROVA : UN SECONDO 8 PER MILLE AL NON PROFIT

Non contento di aver ipotizzato l’esperimento dell’8 per mille al terzo settore quando era Ministro (esattamente il 28 maggio 2004) e già allora dimenticando – come aveva evidenziato con un comunicato stampa Edoardo Patriarca portavoce del Forum del Terzo Settore – “che una parte ragguardevole dell’8 per mille viene già affidata dai cittadini allo Stato ed è oggi in gran parte utilizzato per il recupero dei beni artistici”, l’On. Tremonti ci riprova.
E’ sua infatti la proposta di un “secondo 8 per mille per il non profit”. Ma anche stavolta l’ex Ministro dimentica qualcosa, stabilito proprio dalla sua legge Finanziaria: che buona parte dell’8 per mille andrà alle forze di Polizia.
E’ un comma della Finanziaria 2004 a disporre che per il 2004, 2005 e 2006 80 milioni (circa l’80%) dell’8 per mille dato allo Stato siano stornati per finanziare la sicurezza anziché progetti di carattere sociale.
Per cortesia – commenta Edoardo Patriarca che si facciano proposte più serie e con un minimo di coerenza. Il sostegno alle politiche di welfare va inserito nella fiscalità generale e non affidato alla beneficenza. E l’attuale 8 per mille lo si utilizzi davvero per la promozione del non profit senza distrarlo su altri capitoli di spesa”.

Roma 27 gennaio 2005
com stampa 05/05