EDOARDO PATRIARCA SUI CONTI PUBBLICI

Chiediamo alle istituzioni rigore e onestà intellettuale: vogliamo sapere qual è lo stato del paese, per definire un’agenda delle priorità“.
Questa frase pronunciata dal portavoce del Forum del Terzo Settore Edoardo Patriarca a Civitas il 7 maggio durante la presentazione della Coalizione pro welfare appare oggi ancor più calzante.

I dati diffusi da Eurostat – prosegue Patriarcaindicano quanto sia urgente definire le priorità in un’ottica attenta a non penalizzare ulteriormente, come accaduto negli anni scorsi, le politiche di sostegno, per un welfare realmente inclusivo e capace di contrastare le povertà sempre più diffuse E non, si badi bene, le povertà estreme conteggiate dalle analisi statistiche, ma quelle poco raccontate e sempre più estese delle migliaia di famiglie che, da anni non riescono più a far quadrare i bilanci, ancorché appartenenti al cosiddetto “ceto medio”.

Nonostante il disastro dei conti pubblici – conclude Patriarcachiediamo che non vengano effettuati ulteriori tagli ma si prepari con equità e giustizia una stagione innovativa di politiche di welfare a livello territoriale, con il contributo concreto e fattivo del terzo settore, non ridotto a mero erogatore di servizi ma riconosciuto a pieno titolo come soggetto politico. E gli accordi siglati con CGIL, CISL, UIL e Legautonomie vanno in questa direzione“.

Roma, 23 maggio 2005
comunicato stampa 24/05