Condizione dell’infanzia nel mondo 2008


E’stato presentato a Roma, martedì 22 gennaio, in contemporanea con Ginevra, il Rapporto Unicef 2008 sulla condizione dell’infanzia nel mondo.
Quest’anno il Rapporto “Nascere e crescere sani” ha affrontato il tema e le problematiche legate alla sopravvivenza infantile: salute e sviluppo dei bambini.

Il Rapporto si è aperto chiedendo provocatoriamente “Quanto vale una vita” e ha messo in luce, nonostante alcuni miglioramenti rispetto agli ultimi 20 anni, dati piuttosto preoccupanti: in tutto il mondo ogni giorno muoiono più di 26.000 bambini sotto i cinque anni, in maggioranza per cause evitabili.

“Per le usuali cause di morte dei bambini – ha ricordato il Presidente dell’Unicef Italia Antonio Sclavisono stati fatti molti passi in avanti grazie alle campagne di vaccinazione promosse dall’Unicef”. Servono però ulteriori analisi e interventi, specie nelle aree più a rischio, per arrivare all’“Obiettivo di Sviluppo del Millennio n.4”, che prevede la riduzione di due terzi della mortalità infantile entro il 2015.
Nella gran parte del Medio Oriente e Nord Africa, nell’Asia meridionale e nell’Africa sub – sahariana si è ancora molto lontani dal raggiungere l’obiettivo. “Per riuscirci, aggiunge Sclavi, servono un deciso impegno politico a livello nazionale, un’integrazione degli interventi di base e la loro erogazione capillare in tutte le aree anche periferiche.”

Per maggiori informazioni:
www.unicef.it