Un progetto per tutelare il patrimonio culturale immateriale dell’Italia

La possibilità di documentare e archiviare l’enorme varietà del patrimonio culturale immateriale dell’Italia è alla base del progetto Unpli “SOS Patrimonio Culturale Immateriale”, finanziato dal Ministero della Solidarietà sociale. L’idea è nata in seguito alla Convenzione dell’Unesco del 2006 per la salvaguardia delle tradizioni orali, intese come un veicolo di conoscenza, pratiche sociali, tradizioni e feste.
“SOS Patrimonio Culturale Immateriale” ha raccolto in un anno, attraverso l’azione capillare delle 6.000 associazioni Pro Loco distribuite su tutto il territorio, oltre 300 interviste, 4000 fotografie, 100 ore di filmati e 32.150 chilometri percorsi. Sono state coinvolte 800 persone e anche 600 alunni delle scuole medie ed elementari in progetti di ricerca sulle tradizioni orali. Tutto il materiale sarà archiviato nella Bibliomediateca delle Pro Loco di Civitella d’Agliano (VT) e pubblicato a fine anno in un volume di promozione culturale e turistica.
L’iniziativa vuole essere non solo un’occasione per riqualificare il patrimonio culturale, ma anche per rispondere alle emergenze sociali di piccole località che potrebbero risollevarsi con un turismo sostenibile, rispettoso delle tradizioni locali.