avis – LUPO ALBERTO PER AVIS: IL REGALO DI SILVER PER RIFLETTERE SU DONO E SOLIDARIETA’

COMUNICATO STAMPA

Martedì 19 luglio 2011

Si chiama“Basta tanto così” la pubblicazione che il disegnatore Silver ha omaggiato ad AVIS e che in questi giorni sarà distribuita a tutte le sedi italiane dei donatori di sangue dell’Associazione.

Protagonista è Lupo Alberto, il simpatico personaggio uscito dalla penna dell’artista modenese nel lontano 1974.
In 36 pagine a colori, aperte dalla presentazione del ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, Lupo Alberto porta ragazzi e adolescenti a riflettere in modo interattivo sui temi del dono e dell’altruismo, attraverso domande e giochi.
«Il linguaggio di Lupo Alberto – spiega Silver nell’intervista esclusiva alla rivista associativa “AVIS Sos” – esiste da più di 35 anni e ha sempre avuto un approccio interattivo con il suo pubblico. Anche in questa pubblicazione, il suo principale obiettivo è quello che il lettore non sia passivo, ma possa rispecchiarsi in quanto raccontato, trovando così utili spunti per la propria quotidianità. Abbiamo pensato a una ricca serie di giochi e domande, proprio perché il lettore fosse partecipe. C’è molta  retorica sulla solidarietà e con questa iniziativa abbiamo voluto dare un colpo di vernice a comportamenti che di morale hanno poco». 
«Grazie al preziosissimo e gratuito contributo di Silver – spiega il presidente di AVIS Nazionale, Vincenzo Saturni –  abbiamo realizzato un volumetto destinato soprattutto ai ragazzi e alle ragazze delle scuole secondarie di primo grado, per sensibilizzarli, in accordo con il mondo della scuola, sulle tematiche della solidarietà e del dono. AVIS si propone infatti anche con strumenti attuali e accattivanti per i giovani, come agenzia di supporto esterno al mondo della scuola per lo sviluppo di politiche che promuovono l’educazione alla cittadinanza attiva e che si fondano sul consolidamento dei concetti di partecipazione consapevole e responsabilità».
 
Per ulteriori informazioni e richieste sulla pubblicazione:
 
 
Filippo Cavazza e Boris Zuccon
Ufficio stampa AVIS Nazionale (tel: 346-2400264)