TERZO SETTORE, FONDAZIONI BANCARIE E FONDAZIONE CON IL SUD, INSIEME PER COSTRUIRE UN NUOVO MODELLO DI SVILUPPO SOCIALE

COMUNICATO STAMPA

 

BENI COMUNI, CORPI INTERMEDI 
E CITTADINANZA ATTIVA

 NAPOLI – 2 ottobre 2011      
2° seminario interregionale del progetto formazione quadri del terzo settore (FQTS)
 
Napoli, 2ottobre 2011
 
Si chiude oggi, con un dibattito che ha visto insieme Fondazioni Bancarie, Fondazione CON IL SUD e Terzo Settore, la tre giorni napoletana del progetto di formazione dei quadri del terzo settore meridionale (FQTS). Al centro del dibattito, il tema della cura dei beni comuni e della cittadinanza attiva, a partire dal Mezzogiorno.
 
In un contesto in forte crisi, dove il tradizionale modello di welfare diventa sempre più subalterno e sta subendo una drammatica riduzione delle risorse economiche, la convergenza di questi soggetti di natura così diversa rende concreta la possibilità di creare nuovi modelli di sviluppo territoriale, tanto più necessari in un territorio depauperato socialmente ancor prima che economicamente.
Sono convinto che il lavoro comune che ci attende debba volgere ad un processo di ridefinizione e riposizionamento del terzo settore – dichiara Luciano Squillaci, Consigliere delegato, Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSVnet) -. Il percorso di formazione svolto può fornire, in questo senso, gli strumenti necessari per definire un piano di azione che renda il mondo del volontariato e del terzo settore capace di muoversi come massa critica che vigili e denunci, ma che sia anche capace di porsi in modo propositivo rispetto alla risoluzione delle diverse problematiche che caratterizzano la profonda crisi che stiamo vivendo“.
 
La sfida che ci aspetta – ha affermato Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione CON IL SUD – è quella di costruire un welfare diverso, quel welfare comunitario che metta in comunicazione il pubblico, il privato – a partire dalle fondazioni – ed il terzo settore nella logica della sussidiarietà per dare risposte concrete ai cittadini. Questo significa – prosegue il Presidente Borgomeo – infrastrutturazione sociale. Meno Stato, più società si dice. Noi diciamo invece più società, diverso Stato.”
 
Il Terzo Settore – dichiara Andrea Olivero, Portavoce del Forum del Terzo Settore – si candida anche oggi ad essere motore di cambiamento, assumendosi in prima persona il compito di organizzare e accompagnare i cittadini in questa direzione. Accelerare quindi il processo di formazione per i futuri dirigenti significa arrivare a rendere più cogenti, più precise e più condivise le nostre proposte. L’impegno personale e la dedizione al bene comune sono parte fondamentale di questa sfida, che va assunta in una prospettiva sociale e comunitaria, affinchè assuma anche quel valore politico che è necessario per il cambiamento del Paese.”
 
La ricetta per la rinascita del Sud  – conclude Antonio Miglio, Vicepresidente delle Acri –  è far si che gli stessi cittadini diventino protagonisti di questa rinascita. Creare le condizioni perché questo possa avvenire è il contributo che come Fondazioni di origine bancaria possiamo e vogliamo continuare a dare, attraverso e insieme alla Fondazione CON IL SUD, e grazie al terzo settore, quale soggetto portatore di interessi generali
                                                                                                                                          
 
Sussidiarietà, rapporto con le Istituzioni, nuove prospettive di welfare, beni comuni, rappresentanza: sono queste le parole chiave che emergono da questa tre giorni di lavoro
del terzo Settore; un percorso esemplare in linea con quanto dichiarato nel corso della sua visita dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: “La politica siamo tutti noi. È politica anche costruire qualcosa di fondamentale dal punto di vista sociale per rendere possibile ciò che altrimenti non sarebbe possibile“.
 
 
Contatti Uffici Stampa e Comunicazione
 
Forum Terzo Settore: 
Anna Monterubbianesi tel. 06 68892460 E-mail stampa@forumterzosettore.it
 
 
CSVnet: 
Clara Capponi Tel 06 45504996 Cell. 340 2113992 E-mail ufficiostampa@csvnet.it