FORUM DEL TERZO SETTORE: NON SIAMO LA “CONFINDUSTRIA DEL SOCIALE”

Smentita del Portavoce Andrea Olivero all’articolo apparso sul Corriere della Sera (p. 9),domenica 2 ottobre
 
Roma 4 ottobre 2011
 
Nell’edizione di domenica 2 ottobre del Corriere della Sera il Forum del Terzo Settore viene definito la “Confindustria del Sociale”.
 
Siamo naturalmente contenti che si dia valore all’espressione unitaria delle organizzazioni del terzo settore italiano, ma riteniamo necessario precisare che il modello organizzativo e le finalità del Forum sono assai differenti da quelle della Confindustria.
 
In primo luogo, infatti, il Forum del Terzo Settore si pone come obiettivo non solo e non tanto di tutelare gli interessi – pur pienamente legittimi – delle organizzazioni aderenti, ma di promuovere il bene comune attraverso la responsabilizzazione dei cittadini e la tutela dei diritti sociali.
 
In secondo luogo il Forum è luogo di confronto prioritario e democratico di tutte le organizzazioni sociali – anche a prescindere dalle dimensioni – nella prospettiva di costruire partecipazione civile diffusa, particolarmente importante in tempi di crisi della politica.
 
Infine il Forum, che da tempo è parte sociale riconosciuta, si candida adesso ad essere anche un punto di coagulo per tutti i cittadini che credono nella possibilità di una trasformazione del Paese, a partire dai valori della solidarietà e della sussidiarietà.
 
Parte sociale, quindi, ma anche luogo propulsivo di autentica democrazia sociale.