Piacenza, varato il Forum del Terzo Settore

Fonte: www.provinciasolidale.pc.it

Eletti i nove componenti del comitato direttivo, tre per ognuno dei settori rappresentati (volontariato, promozione e cooperazione sociale)

Il Forum del Terzo Settore di Piacenza ha tagliato il traguardo. La data: 13 marzo 2012, poco prima delle 20. 
Numerosi rappresentanti di volontariato, promozione e cooperazione sociale hanno risposto all’invito lanciato in questi giorni anche attraverso il nostro Portale ed hanno riempito la sala Perlasca dell’Amministrazione Provinciale di Piacenza per decretare il varo del nuovo organismo dopo un percorso di circa un anno, durante il quale l’assessorato al welfare condotto da Pier Paolo Gallini ha promosso incontri conoscitivi, tastato il polso al mondo dell’associazionismo per sapere se intendeva dar vita al Forum, di cui la nostra provincia unica o quasi in Emilia era ancora sprovvista e, ricevuta risposta affermativa, ha fornito il supporto amministrativo e tecnico necessario per costituirlo.

Ruolo del Forum sarà quello di rappresentare i tre settori che ne fanno parte, discuterne i problemi, fare da loro portavoce presso le istituzioni, avanzare progetti e proposte. Tutto questo senza limitare l’autonomia delle singole associazioni, che potranno continuare ad agire anche da sole. Ora però potranno contare su una spalla autorevole per l’ampia base su cui appoggia e che potrà allargarsi ulteriormente poiché la porta delle adesioni rimarrà sempre aperta.

Nell’incontro sono state decise le quote associative (50 euro all’anno per i soci ordinari, almeno 100 per i soci sostenitori) e la sede, che sarà presso la Casa delle Associazioni in via Musso 5 a Piacenza. Sergio Danese, a nome dell’Auser, che la gestisce, ha annunciato che per il primo anno l’ospitalità sarà gratuita. Dopo l’approvazione di una modifica ad un articolo del patto associativo, il documento, insieme allo statuto, sono stati approvati per sottoscrizione.
I presenti sono quindi passati all’elezione dei nove componenti del comitato direttivo, con uguale rappresentanza (tre ognuno) per volontariato, promozione e cooperazione sociale. 

Le votazioni non si sono rivelate necessarie per la terna della cooperazione sociale, poiché le candidature erano tante quante i posti. Sono quindi entrati automaticamente nel comitato Paolo Anelli, Donatella Vaghini, Fabrizio Ramacci. Si è invece dovuto ricorrere alle schede per gli altri due settori, dove i candidati erano quattro per il volontariato e cinque per le associazioni di promozione sociale. Sono stati rispettivamente eletti: Claudio Tagliaferri (Aias), risultato il più votato tra tutti i candidati, Carmela Caserta (’Rondini di Chernobyl’) e Anita Natali (’Carmen Cammi’, volontari per la Caritas) dopo un ballottaggio con Pietro Ferrari (’Priscilla’), il quale il giorno successivo è subentrato alla stessa Natali che ha rinunciato all’incarico, Sergio Danese (Auser), Alessandro Fornasari (Arci) e Mara Verderi (’La Ricerca’). Compngono il collegio dei revisori dei conti i primi dei non eletti, Renato Dapero (Anoss) e Filippo Battini (Diurni e Notturni), e Ivaldo Brignoni (Associazione Bambino Cardiopatico).

Prima del voto, i candidati hanno sinteticamente esposto i propri obiettivi, apparsi in larga parte comuni e questo è indubbiamente un buon segno: massima apertura alle altre associazioni che vorranno entrare nel Forum, crescita identitaria dell’associazionismo nel rispetto delle sue diverse anime, legami con il territorio, dialogo con le istituzioni al fine di dare maggiore autorevolezza al Terzo Settore e di approdare ad una vera applicazione del principio di sussidiarietà, perseguire obiettivi trasversali a volontariato, promozione e cooperazione sociale.
Il comitato direttivo si riunirà nei prossimi giorni per la distribuzione delle cariche e l’elezione del presidente-portavoce.

Cliccando sulla pagina di http://www.provinciasolidale.pc.it/Leggi_Articolo.asp?IDArt=853 è possibile consultare documentazione riguardante la materia, i resoconti degli incontri che hanno preceduto l’attività costituiva ed interventi di associazioni.