ADICONSUM – CRISI: Propensione al risparmio al 12%: si torna a 17 anni fa

Ecco cosa chiede Adiconsum al Governo
 
 
Roma, 5 aprile 2012
 
Troppi suicidi, troppi fallimenti economici familiari, troppa disoccupazione, troppe tasse rappresentano una miscela esplosiva – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale di Adiconsum – che rischia di portare il Paese sul crinale di una emergenza sociale ed economica sempre più drammaticamente tangibili.
 
La propensione al risparmio registra l’ennesimo record negativo attestandosi al 12% facendoci tornare indietro al 1995, cioè a 17 anni fa.
 
L’inflazione erode il potere d’acquisto delle famiglie e le quote di profitto delle aziende non finanziarie, una donna su due ed un giovane su tre non ha occupazione.
 
Non è possibile – prosegue Giordano – continuare a passeggiare lungo quello che sempre di più appare come un baratro nel quale tantissime famiglie sono precipitate o rischiano di precipitare.
 
Adiconsum chiede al Governo ed alla maggioranza che lo sostiene:
 
1) l’immediata trasformazione in decreto legge del disegno di legge sul default dei consumatori;
 
2) il taglio delle accise sui carburanti e l’istituzione dell’Iva mobile;
 
3) il varo di una reale riforma fiscale che tagli le aliquote IRPEF dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, utilizzando le risorse recuperate con la lotta all’evasione fiscale e con l’aumento dell’IVA;
 
4) la cantierizzazione immediata di opere pubbliche capaci di iniettare risorse per lo sviluppo e creare occupazione diretta e da indotto produttivo.
 
Informazioni:
Ufficio Stampa Adiconsum:
Tel +39 06 44170222 – Fax +39 06 44170230