FEDERCONSUMATORI – SISMA EMILIA: PROPOSTE CONCRETE PER AVVIARE LA RICOSTRUZIONE IN TEMPI RAPIDI

Comunicato Stampa
30 maggio 2012
 
Per affrontare l’emergenza del terremoto in Emilia è necessario intervenire al più presto, con coraggio e determinazione.
È questo l’appello che facciamo al Governo: non c’è spazio per tentennamenti ed indecisioni, è il momento di agire su questioni rimandate da troppo tempo, che adesso si fanno più che mai urgenti, grazie alle quali potranno essere reperiti i fondi necessari per aiutare concretamente ed in maniera adeguata la ripresa delle aree colpite dal sisma.
In particolare, a nostro parere, è necessario:
         Un allentamento del patto di stabilità europeo;
         Un allentamento del patto di stabilità per i Comuni;
         Una maggiore tassazione sulle transazioni e sulle rendite finanziarie;
         Una maggiore tassazione sui grandi patrimoni.
Questi sono i versanti sui quali agire, non attraverso il “solito” ricorso all’aumento dell’accisa sui carburanti.
Mettere mano per l’ennesima volta al prezzo della benzina risulterebbe controproducente e dannoso, non solo per l’intero Paese, ma anche per gli stessi cittadini coinvolti da questa tragedia: non dimentichiamo, infatti, che l’innalzamento del prezzo della benzina agisce da potente moltiplicatore su tutti i prezzi di beni e servizi, a partire dai generi alimentari e dai beni di largo consumo che sono trasportati per oltre l’80% su gomma.
“Inoltre, seppure ne condividiamo le motivazioni e la piena solidarietà con le popolazioni colpite, non vorremmo che il dibattito intorno alla parata del 2 giugno (per la quale sembra siano già stati spesi i fondi) mettesse in ombra i veri e ben più sostanziosi provvedimenti che dovranno essere attuati per aiutare concretamente ed in maniera adeguata i cittadini emiliani.” – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori.