CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D’ITALIA – Spending review: “colpiti gravemente volontariato e terzo settore”

SI INSEDIA E PRENDE POSIZIONE IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE MISERICORDIE
“La più profonda contrarietà” per l’obbligo di appalto della P.A. e la cancellazione degli Osservatori del Volontariato e della Promozione Sociale”. Prima seduta nella storica sede della Misericordia di Firenze. Si completa il quadro degli organi nazionali.
COMUNICATO STAMPA
Dura presa di posizione contro alcuni aspetti della bozza di decreto sulla spending review “che colpiscono gravemente il volontariato ed il terzo settore” da parte del nuovo Consiglio nazionale delle Misericordie d’Italia, eletto lo scorso 23 giugno a Roma e che proprio oggi pomeriggio si è insediato a Firenze, sotto la guida del Presidente nazionale Roberto Trucchi.
A sollevare “la più profonda contrarietà” in particolare due misure che il Consiglio Nazionale delle Misericordie definisce “assurde”: l’obbligo per le pubbliche amministrazioni ad utilizzare esclusivamente l’appalto pubblico per l’acquisizione di qualsiasi servizio e la cancellazione dell’Osservatorio Nazionale del Volontariato e dell’Osservatorio della Promozione Sociale.
“E’ inammissibile –dicono le Misericordie- che si impedisca qualsiasi forma di contributo o convenzione verso quei soggetti che più di tutti sono in grado di star vicini alla gente anche laddove i servizi pubblici non riescono più a dare risposte. Obbligare le Pubbliche Amministrazioni a “procedure concorrenziali” significa, di fatto, azzerare qualsiasi possibilità di sostegno pubblico all’azione del volontariato.”
“Ed è davvero curioso –continuano le Misericordie- che in una prospettiva (giusta) di risparmio e di revisione della spesa si cancellino due istituti come l’Osservatorio Nazionale del Volontariato e l’Osservatorio della Promozione Sociale, che operano senza oneri a carico della spesa pubblica ma che rappresentano due fondamentali momenti di partecipazione e di condivisione con le principali espressioni della società civile organizzata.”
Il Consiglio Nazionale della Confederazione ha al tempo stesso voluto “rassicurare la cittadinanza che le Misericordie saranno sempre e comunque al loro fianco, con o senza sostegno pubblico.”
Nel corso della seduta il Consiglio Nazionale ha eletto, al proprio interno, il nuovo vice-presidente della Confederazione, che sarà Leonardo Sacco, della Misericordia di Isola Capo Rizzuto (Crotone) e il Tesoriere, che sarà Maria Pia Bertolucci, della Misericordia di Capannori (Lu). Il Consiglio ha poi approvato i 5 nomi proposti dal Presidente Trucchi per il Consiglio di Presidenza nazionale, di cui faranno parte: Ugo Bellini (Misericordia di San Giovanni La Punta – CT), Enrico della Bella (Misericordia di Livorno) Antonio Teodosio (Misericordia di Piazza di Pandola – AV), Antonio dal Torrione (Misericordia di Tortona – AL), Israel De Vito (Misericordia di Valle del Savio – FC). A loro si aggiunge di diritto il Presidente della Consociazione nazionale dei Gruppi donatori sangue Fratres, Luigi Cardini.
Questa mattina seduta di insediamento anche per il Collegio dei Probiviri (presidente Pierluigi Ciari, della Misericordia di Empoli) e per il Collegio dei Revisori dei Conti (presidente Lorenzo Polvani, della Misericordia di San Giovanni Valdarno).
Al termine dei lavori i confratelli raggiungeranno il Santuario della Santissima Annunziata per la S.Messa, alle ore 19,00, presieduta da monsignor Franco Agostinelli, vescovo di Grosseto e guida spirituale delle Misericordie d’Italia.

Firenze, 21 Luglio 2012
Ufficio Stampa 
Alberto Campaioli