LA LEGGE DI STABILITÀ ALLA PROVA DEGLI EMENDAMENTI. IL FORUM DEL TERZO SETTORE: IL WELFARE DIVENTI UNA PRIORITÀ PER IL GOVERNO

 

COMUNICATO STAMPA DEL FORUM

 

Roma 07 novembre 2012 – Si sta delineando, in questa settimana, la nuova versione della ‘Legge di Stabilità 2013’. Il Forum del terzo Settore, che nelle scorse settimane ha posto l’attenzione sulle gravissime ripercussioni sociali di alcuni provvedimenti contenuti nel DDL, ribadisce con forza che le istanze sollevate vengano accolte nel testo definitivo al varo del Parlamento.

Abbiamo riscontrato alcuni significativi passi avanti, effetto delle iniziative di protesta e delle proposte portate nelle audizioni con le Commissioni e con i gruppi parlamentari – dichiara il Portavoce del Forum, Andrea Oliveroma non sono sufficienti. E’ necessario ora vigilare affinché le tante richieste che ancora non hanno ricevuto una risposta vengano tradotte nel nuovo testo e infine approvate. Si tratta di temi sostanziali per il terzo settore, che riguardano moltissimi cittadini, e che devono diventare una priorità anche per il Governo. Basti pensare al fondo di 900 milioni di euro da destinare alle politiche sociali, che da un lato sembra essere stato ripristinato, dall’altro non è ancora ben chiaro come questi fondi saranno articolati, lasciando aperti, allo stato attuale, troppi punti interrogativi su quello che sarà il nuovo testo di legge.” 

Ci sono alcuni temi prioritari che il Forum ha già sottoposto all’attenzione del Governo, e che ad oggi sembrano essere stati stralciati, ma sui quali è necessario tenere alta l’attenzione: dall’ulteriore drastico taglio dei fondi nazionali per le politiche sociali, all’effetto combinato dell’aumento di un punto dell’IVA e diminuzione di un punto dell’IRPEF per  le fasce di reddito più basso, all’ aumento dell’Iva di 6 punti percentuali sulle prestazioni socio-sanitarie ed educative delle cooperative sociali, accompagnato da un taglio lineare del 10% per cento dei contratti in essere nel settore sanitario. Ancora, il provvedimento che fissa un tetto di 3 mila euro alle detrazioni e la soglia minima di 250 euro per le spese deducibili e detraibili, con effetti retroattivi dal 1 gennaio 2012, provvedimento che avrebbe l’effetto di disincentivare le donazioni per il terzo settore, in un momento in cui ce ne è maggiormente bisogno.

Ribadiamo ancora una volta – prosegue Oliveroche è necessario non contrapporre il welfare al risanamento economico, ma rilanciare e ripensare il welfare come un importante motore di sviluppo per il nostro Paese. Questo significa introdurre provvedimenti più equi e che tutelino le fasce di popolazione più marginali. Ci auguriamo che Governo e Parlamento siano in grado di trovare soluzioni soddisfacenti e che non ci riservino altre spiacevoli sorprese.”