BANDo Progetti sperimentali anno 2012 volontariato

Scade l’11 dicembre il bando del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per la presentazione di progetti sperimentali di volontariato finanziati con il Fondo per il volontariato.

Per l’anno in corso, una parte delle risorse è stata destinata a progetti realizzati a favore della popolazione delle Province di Ferrara, Mantova, Modena e Reggio Emilia colpite dal terremoto del maggio 2012 da parte di organizzazioni di volontariato della stessa Regione e/o da altre organizzazioni di volontariato operanti in altre Regioni, da realizzarsi con le medesime organizzazioni di volontariato esistenti ed operative nei territori colpiti dal sisma”, tralasciando le popolazione delle Province di Bologna e Rovigo (come da Decreto Legge 6 giugno 2012 n. 74), nonché della Provincia dell’Aquila, colpita dal terremoto del 2009.

Dopo una interrogazione parlamentare oggi è uscito sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali un Comunicato di integrazione alle Linee di indirizzo annualità 2012, quindi i territori delle Province di Bologna, Rovigo e dell’Aquila, sono stati reintegrati.

Riportiamo dunque la Direttiva rivolta anche alle popolazioni colpite dal sisma delle Province di Bologna. Rovigo e dell’Aquila.

________________________________________________________________________

Con riferimento al comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 dicembre 2012 – Serie Generale n. 282, dell’avvenuta pubblicazione in data 27 novembre 2012 sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali della Direttiva riguardante le Linee di Indirizzo, a firma, del Sottosegretario Maria Cecilia Guerra, per la presentazione di progetti sperimentali di volontariato di cui all’art. 12, comma 1, lettera d) della Legge 11 agosto 1991 n. 266, si precisa che per mero errore materiale è stato dichiarato che “una quota percentuale – fino ad un massimo del 50% delle disponibilità finanziarie suindicate – sarà destinata a progetti realizzati a favore della popolazione delle Province di Ferrara, Mantova, Modena e Reggio Emilia colpite dal terremoto del maggio 2012 da parte di organizzazioni di volontariato della stessa Regione e/o da altre organizzazioni di volontariato operanti in altre Regioni, da realizzarsi con le medesime organizzazioni di volontariato esistenti ed operative nei territori colpiti dal sisma”, tralasciando le popolazione delle Province di Bologna e Rovigo (come da Decreto Legge 6 giugno 2012 n. 74), nonché della Provincia dell’Aquila, colpita dal terremoto del 2009).

È in corso di registrazione alla Corte dei Conti la Direttiva del 27 novembre 2012 riguardante le “Linee di indirizzo per la presentazione di progetti sperimentali di volontariato di cui all’art. 12, comma 1, lettera d), finanziati con il Fondo per il volontariato istituito ai sensi dell’art. 12, comma 2, della legge 11 agosto 1991, n. 266 – Anno 2012”.

La Direttiva riguarda la presentazione  di progetti sperimentali e innovativi di volontariato, presentati dalle organizzazioni di volontariato costituite da almeno due anni – alla data di pubblicazione del comunicato e/o avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – e regolarmente iscritte nei registri regionali/provinciali del volontariato (art. 6, legge 266/1991). 

La domanda di contributo, il connesso formulario ed il relativo piano economico, devono essere compilati e quindi inviati al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione generale per il Terzo Settore e le  Formazioni Sociali esclusivamente attraverso la piattaforma www.direttiva266.it, a pena di inammissibilità.

Visto il DPCM n. 46 del 18 febbraio 2011 recante l’attuazione dell’art. 2 comma 4 della Legge 07/08/1991 n. 241 “concernenti i termini di conclusione dei procedimenti amministrativi di durata superiore  a 90 giorni del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali” e la definizione del riparto del Fondo Nazionale per le politiche sociali, l’invio delle domande di contributo attraverso la piattaforma informatica www.direttiva266.it deve avvenire entro e non oltre le ore 24 del giorno 11 dicembre 2012, ovvero a partire dalla data di pubblicazione del comunicato e/o avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

In considerazione della proclamazione con Decisione n. 940/2011/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 14 settembre 2011, quale Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni (2012), i progetti dovranno riguardare gli ambiti d’azione, previsti dalla suindicata Decisione europea.

Anche per il 2012 c’è la possibilità per le organizzazioni di volontariato richiedenti il contributo di inserire come quota parte a loro carico – pari al 10% del costo complessivo del progetto – “la valorizzazione delle attività di volontariato”, che non costituiscono un costo, ma la stima figurativa del corrispondente costo reale che può essere soggetta solo ed esclusivamente a valorizzazione relazionale di tipo quali-quantitativo.

Le disponibilità finanziarie per l’anno 2012 ammontano ad Euro 2.000.000,00.

Pertanto la suddetta Direttiva è rivolta anche alle popolazioni colpite dal sisma delle Province di Bologna. Rovigo e dell’Aquila.