Partono le attività dell’Alleanza Italiana per l’Anno Europeo del Cittadino 2013

 

Il 19 dicembre 2012, a Roma è avvenuta la presentazione pubblica dell’Alleanza italiana delle organizzazioni della società civile che intendono promuovere attività e avviare delle azioni di democrazia partecipativa, durante il 2013, proclamato formalmente dalle istituzioni dell’Unione europea, “Anno europeo dei cittadini”.

Nel quadro dell’Alleanza europea per “l’Anno europeo dei cittadini 2013”, le principali organizzazioni e associazioni della società civile in Italia hanno creato una propria rete nazionale allo scopo di scambiare buone pratiche, coordinare le attività che saranno svolte durante l’anno, facilitare il dialogo fra i cittadini e le istituzioni, avviare azioni di sostegno per le iniziative che saranno realizzate utilizzando gli strumenti previsti dall’articolo 11 del Trattato di Lisbona, predisporre delle proposte da sottoporre alla Commissione europea, al Parlamento Europeo e al Governo italiano in vista della Presidenza semestrale di turno dell’UE  2014 (1° luglio-31 dicembre 2014).

A livello italiano una simile Alleanza, inizialmente promossa dal CIME, l’ALDA e il FORUM DEL TERZO SETTORE, si è costituita attraverso vari incontri, ad iniziare dal settembre 2012, e rappresenta, ad oggi, già più di 40 organizzazioni e reti di società civile. Anche le competenti amministrazioni nazionali ed europee hanno già manifestato la loro intenzione di collaborare strettamente con tale iniziativa. Le linee generali d’azione lungo le quali l’Alleanza Italiana si muoverà, sono quelle sancite nella Dichiarazione “2013 Noi, Cittadini d’Europa” e nel “Manifesto” dell’Alleanza europea.

 

I principali obiettivi sono:

–  Sensibilizzare e diffondere presso tutti i cittadini residenti in Italia la consapevolezza dei propri diritti proclamati dall’Unione europea, aiutandoli così a ricorrere agli strumenti tipici della democrazia partecipativa;

–  Diffondere una cultura della trasparenza a livello politico e amministrativo, premendo presso i poteri pubblici;

–  Assicurare l’applicazione in Italia della Convenzione di Aarhus e il Codice di buone prassi per la partecipazione civile della Conferenza delle OING del Consiglio d’Europa;

–  Avviare un processo di revisione costituzionale del Trattato di Lisbona, promuovendo l’unione politica federale europea, sul modello costituzionale di una democrazia sovranazionale rappresentativa e partecipativa.

 

Il lavoro dell’Alleanza italiana è strutturato in  7 GRUPPI DI LAVORO, ognuno di essi coordinato da una delle organizzaizoni aderenti:

1) giovani e cittadini (Forum Nazionale dei giovani)

2) Parità di genere (PRO.DO.C.S. / Focsiv)

3) Volontariato (SPES/CSVnet)

4) Per una società inclusiva (TECLA)

5) Sviluppo sostenibile (Legambiente)

6) Prossimità/sussidiarietà (Labsus)

7) Cultura e creatività (GAI – Gruppo Archeologici d’Italia)

Si invitano tutte le associazioni a verificare i propri interessi e disponbilità ed a contattare direttamente i rispettivi referenti (cfr. file allegato)

 

Lo scopo dell’Alleanza Italiana è pure quello di creare un “fil rouge” tra numerosi eventi di cittadini promossi dagli appartenenti alla rete nel 2013, e che possano riproporre il dialogo sull’Europa e il suo futuro, tra i suoi cittadini e con gli enti locali, partner delle iniziative. Le varie attività andranno a raccogliere pareri e idee direttamente dai cittadini, con l’utilizzo anche dei social media.

Il meccanismo di valorizzazione degli eventi funzionerà anche attraverso una apposita procedura di “labelizzazione” delle diverse attività, utilizzando il logo appositamente creato.

L’Alleanza italiana ha deciso di portare il suo impegno ricollegandosi anche all’art 118 della Costituzione Italiana che esprime il principio di sussidiarietà e la fondamentale interazione tra enti locali e iniziativa di cittadini, singoli e associati.

Il ruolo degli enti locali e delle loro associazioni risulta essere di primaria importanza per la realizzazione degli scopi dell’Alleanza e suggerisce cosi un forte partenariato, basato su una serie di convenzioni, attualmente in via di finalizzazione (TECLA – UPI – ANCI).

 

Elenchiamo i principali strumenti attualmente sviluppati e già funzionanti:

–   il sito internet: www.ey2013-italia.eu/

–   il profilo Facebook: Eyca Alleanza Italiana

–   l’account TWITTER: @EYCA2013Italia

 

Per quanto riguarda il sito internet, ricordiamo che esso è a disposizione di ogni organizzazione che voglia segnalare le proprie iniziative legate all’Anno europeo 2013. Questo si può fare inviando una e-mail al seguente indirizzo: cinzia.spinazze@aldaintranet.org 

Si sta anche cercando di sviluppare un procedimento che permetta eventualmente a voi stessi di agire sulla parte “prossimi eventi” del sito stesso, per poter aggiornare autonomamente le iniziative da voi promosse. Su questo particolare aspetto riceverete a breve ulteriori informazioni.  

Invitiamo inoltre a inserire il banner (cfr. allegato) che punta al sito internet dell’Alleanza sul vs. sito.  come già fatto da diverse organizzazioni , o a dare notizia dell’esistenza della rete attraverso le proprie newsletter ; invitiamo anche gli altri a fare altrettanto e a questo scopo trovate in allegato due diverse tipologie di banner e un testo di presentazione generale che potete liberamente utilizzare.

Per informazioni e adesioni scrivere a: segreteria@movimentoeuropeo.it

CONSIGLIO ITALIANO DEL MOVIMENTO EUROPEO – CIME – Piazza della Libertà 13, 00192 Roma – tel. 0636001742

 

Link e documentazione di riferimento:

Sito dell’Alleanza Europea e Manifesto Europeo, si veda: http://ey2013-alliance.eu/

Sito dell’Alleanza IT, si veda: http://www.ey2013-italia.eu/