UNICEF – Nuovo rapporto UNICEF-OMS: nel 2015, 2,4 miliardi di persone non avranno accesso a servizi igienic

 

13 maggio 2013 – Nel 2015 circa 2,4 miliardi di persone – un terzo della popolazione mondiale – non avrà accesso a servizi igienici adeguati: lo affermano l’UNICEF e l’OMS nel rapporto “Progress on Sanitation and Drinking-Water 2013”  lanciato oggi.

Il Rapporto mostra che, con l’attuale tasso di progresso, l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio 2015 di dimezzare il numero di persone senza servizi igienici rispetto al 1990 non sarà raggiunto nella misura dell’8% – vale a dire mezzo miliardo di persone.

Dati principali del Rapporto (stime 2011):

–        Quasi due terzi (il 64%) della popolazione mondiale ha accesso a servizi igienico-sanitari adeguati, con un aumento di quasi 1,9 miliardi di persone dal 1990.

–        Circa 2,5 miliardi di persone non hanno accesso a servizi igienico-sanitari adeguati. Di questi, 761 milioni usano servizi igienici condivisi o pubblici e 693 milioni utilizzano servizi igienici che non rispettano i requisiti minimi.

–        Nel 2011, 1 miliardo di persone defecavano all’aperto. Il 90% delle deiezioni avviene in aree rurali.

–        Dalla fine del 2011, l’89% della popolazione mondiale usa fonti di acqua potabile migliorate e il 55% dispone di acqua direttamente nella propria abitazione. Circa 768 milioni di persone sono ancora senza fonti migliorate di acqua potabile, di questi 185 milioni utilizza acque di superficie per le proprie necessità giornalieri.

–        Continuano a esserci grandi disparità tra coloro che vivono in aree rurali e coloro che vivono in città. Gli abitanti di città rappresentano i tre quarti di coloro che hanno accesso a scorte di acqua a casa. Le comunità rurali rappresentano l’83% della popolazione globale che non ha accesso a fonti di acqua potabile; il 71% di essi vive senza servizi igienici.

Mentre l’UNICEF e l’OMS lo scorso anno hanno annunciato che l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio legato all’acqua potabile era stato raggiunto e superato nel 2010, la sfida per i servizi igienico-sanitari – e di raggiungere tutti coloro che ne hanno bisogno – è stata rilanciata con un invito all’azione per accelerare il progresso.

“C’è un bisogno urgente di assicurare che tutto sia al posto giusto – impegni politici, fondi, leadership – così il mondo potrà accelerare il progresso e raggiungere l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio legato ai servizi igienico-sanitari”, ha detto Maria Neira, Direttore OMS per la Salute Pubblica e l’Ambiente. “Il mondo può cambiare direzione e trasformare la vita di milioni di persone che non hanno ancora accesso a servizi igienici di base. Sarebbe un immenso successo per la salute, per porre fine alla povertà, e per il benessere.”

Il Rapporto riprende l’appello all’azione del Vice Segretario Generale delle Nazioni Unite Jan Eliasson per la comunità mondiale per unire l’impegno e mettere fine alle deiezioni all’aperto entro il 2025. È

“È un’emergenza non meno sconvolgente di un grande terremoto o di uno tsunami”, ha detto Sanjay Wijesekera, Responsabile mondiale del programma Acqua e Servizi Igienico-sanitari dell’UNICEF. “Ogni giorno centinaia di bambini muoiono; ogni giorno migliaia di genitori piangono i propri figli e le proprie figlie. Noi possiamo e dobbiamo agire di fronte a questa enorme e quotidiana tragedia umana”.

Secondo UNICEF e OMS sono possibili progressi più rapidi, anche attraverso alcune raccomandazioni:

·       Nessuno deve defecare all’aperto.

·       Tutti devono avere accesso ad acqua potabile e servizi igienico-sanitari a casa.

·       Tutte le scuole e i centri sanitari devono avere disponibilità di acqua potabile e servizi igienici.

·       Acqua e servizi igienico-sanitari devono essere sostenibili.

·       Le diseguaglianze nell’accesso devono essere eliminate.

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa UNICEF Italia, tel. 06/47809233/346 – 02/465477212  e 335/7275877, e-mail: press@unicef.it; Sito-web: www.unicef.it

Portavoce UNICEF Italia: tel.: 06/47809355 e 366/6438651