UICI – Diamo voce ai libri

 

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – onlus, con il Consiglio Regionale Lazio e il patrocinio di Sapienza Università di Roma organizza l’incontro “Diamo voce ai libri

In occasione del Convegno sarà presentato il libro “Qui le domande le faccio io!” di Luisa Bartolucci

Il Centro Nazionale del Libro Parlato dal 1957 ha rappresentato una insostituibile fonte per la cultura e l’aggiornamento delle persone con minorazione visiva. I ciechi e gli ipovedenti italiani, anche residenti all’estero, hanno potuto dar seguito ed integrare la propria formazione personale e professionale avvalendosi di questo prezioso servizio. Un catalogo che ad oggi conta 53.906 titoli letti da speaker professionisti o da lettori volontari, i quali prestano gratuitamente la propria voce in favore di chi non può leggere autonomamente, ivi compresi gli studenti minorati visivi delle scuole di ogni ordine e grado, gli studenti universitari, le persone dislessiche, gli anziani e quanti incontrano difficoltà nella lettura.

Le opere vengono prodotte secondo lo standard internazionale Daisy, formato che consente la navigazione all’interno degli audiolibri e non solo; ciascuna opera, grazie al Daisy, può essere sfogliata dall’utente il quale viene posto in condizione di selezionare e scegliere capitoli, paragrafi, pagine, ecc. nonché di inserire segnalibri che gli consentono di raggiungere rapidamente un punto specifico del testo.
Grazie alla modalità full text, gli ipovedenti e le persone dislessiche sono in grado di leggere opere nelle quali, all’audiolibro navigabile, si aggiunge il corrispettivo testo visualizzabile sullo schermo di un qualsiasi pc.

La presentazione del libro “Qui le domande le faccio io!” di Luisa Bartolucci offre l’opportunità di porre all’attenzione di tutti l’alto valore delle attività del Centro Nazionale del Libro Parlato. Questo servizio, sostenuto principalmente da un finanziamento statale (legge n. 282 del 3 agosto 1998), oggi risente di pesanti decurtazioni che hanno portato addirittura al dimezzamento di detto contributo. Ciò ha comportato e continua a provocare una cospicua e progressiva diminuzione della produzione di opere registrate, con gravi danni per la formazione e l’accesso alla cultura non soltanto per i ciechi e gli ipovedenti, ma anche per tanti anziani e persone impossibilitate alla lettura per i motivi più vari, i quali sempre più spesso si rivolgono a questo fondamentale servizio.
I proventi del libro oggi qui presentato, e pubblicato a spese dell’autrice, andranno totalmente a finanziare la produzione di nuove opere realizzate nello standard internazionale Daisy.
Di questa iniziativa volontaria e meritoria ringraziamo l’autrice la quale, sostenuta anche dal nostro contributo, potrà offrire nuove pagine da ascoltare ed ampi orizzonti culturali ad un pubblico più vasto di quanto si possa immaginare.
Questa iniziativa rappresenta altresì un invito alle autorità di Governo a reintegrare il finanziamento in favore del Centro Nazionale del Libro Parlato dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, che rappresenta un insostituibile contributo alla formazione, nonché all’accesso alla cultura, di cittadini che attivamente partecipano alla costruzione del bene comune.

RSVP
320 6292312
uiclazio@uiciechi.it