“Un patto aperto contro la povertà”

Le Acli, in collaborazione con Caritas Italiana,hanno presentato a Roma, il progetto del Reddito d’inclusione sociale (Reis) e lanciano un Patto aperto contro la povertà.

Solo pochi giorni fa l’Istat ha ricordato come in Italia siano 9 milioni 563 mila le persone in povertà relativa in Italia, pari al 15,8% della popolazione (vai alla sezione). Di questi, 4 milioni e 814 mila (8%) sono i poveri assoluti, che non riescono ad acquistare beni e servizi essenziali per una vita dignitosa. Un aumento sensibile rispetto all’anno precedente in cui erano 8.163.000 le persone in povertà relativa e 3 milioni 415 mila quelle in povertà assoluta.

Pertanto, le Acli Nazionali in collaborazione con Caritas Italiana hanno deciso di elaborare la proposta del Reis, da collocare in un piano nazionale contro la povertà (vedi editoriale e articolo su “Italia Caritas” di luglio-agosto 2013). Nella proposta si suggerisce un percorso graduale, fattibile e sostenibile economicamente per introdurre una misura, il Reis, capace di rispondere efficacemente alle carenze del nostro paese in materia.

Inoltre per promuovere l’introduzione del Reddito d’Inclusione Sociale, Acli e Caritas Italiana hanno invitato tutti i soggetti interessati ad aderire al Patto Aperto contro la Povertà. L’auspicio, come ha sottolineato il direttore di Caritas Italiana don Francesco Soddu (vai al testo completo dell’intervento), è che possa essere un “patto che veda insieme Istituzioni credibili e dialoganti, soggetti sociali autorevoli, aperti al confronto, competenti e liberi, cittadini responsabili e consapevoli”.  

“Questi ingredienti  – ha aggiunto Soddu – possono farci ancora sperare in percorsi virtuosi per la costruzione di territori accoglienti e solidali e per la promozione del bene comune in comunità capaci di vivere nei fatti la speranza del Vangelo di carità e la bellezza del magistero civile, scolpito nelle pagine della nostra Costituzione repubblicana”.

Alla presentazione, oltre al direttore di Caritas Italiana, don Francesco Soddu, sono intervenuti il Presidente delle Acli, Gianni Bottalico, Enrico Giovannini, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Raffaele Bonanni, Segretario Generale Cisl, Susanna Camusso, Segretario Generale Cgil, Lorena Rambaudi, Resp. Politiche Sociali Conferenza Stato-Regioni, Maurizio Ottolini, Vice Presidente Vicario Confcooperative, e Pietro Barbieri, Portavoce Forum Terzo Settore (vedi le foto della presentazione).