FTS REGGIO CALABRIA – Costituito il Forum provinciale del Terzo Settore

Fonte: strilli.it

Cittadinanza attiva, coesione sociale, tutela dei beni comuni e dell’ambiente, lotta alla criminalità organizzata, ma soprattutto coesione interna e condivisione delle scelte. Sono questi i

concetti essenziali che hanno aperto l’Assemblea fondativa del Forum Provinciale del Terzo Settore di Reggio Calabria. Un appuntamento molto atteso, al quale hanno aderito circa 170 Enti del Terzo Settore provenienti da tutta la provincia, che giunge dopo un lungo percorso di partecipazione e condivisione attorno al tema dei servizi sociali.c

Un’esperienza che è figlia del percorso costruito in questi anni dal Coordinamento reggino del Terzo settore che oggi confluisce ufficialmente all’interno della costituenda struttura del Forum Provinciale. Eletto alla guida del nuovo organismo Luciano Squillaci, già portavoce pro tempore del Forum e del precedente Coordinamento reggino.

’’Oggi diamo un segnale importante – ha dichiarato Squillaci – tutti gli enti che si sono ritrovati qui dichiarano idealmente di voler giocare fino in fondo il loro ruolo di parte sociale. Un risultato raggiunto dopo un percorso lungo e faticoso durato circa tre anni. Sarà uno strumento che necessità dell’impegno di tutti, ma anche un luogo di condivisione, approfondimento e proposta. Il Terzo Settore intende dire la sua intorno alle realtà che riguardano la cittadinanza, costruendo una reale cittadinanza attiva attraverso la democrazia pertecipata, la tutela dei beni comuni e dell’ambiente, la lotta alla criminalità organizzata. Una serie di valori ed obiettivi che vogliono rappresentare un segnale unitario di speranza’’.

’’Da anni ormai – ha proseguito Squillaci parlando della lunga vertenza intrapresa dal Terzo Settore con le istituzioni territoriali – siamo presi da mille battaglie sul fronte dei servizi sociali. In questo momento di crisi economica si rischia che alcuni servizi essenziali siano considerati superflui. E d’altra parte il rischio è anche quello di un ritorno alla beneficenza, facendo passare in secondo piano quelli che sono diritti costituzionali garantiti. Sarebbe un ritorno indietro di circa 80 anni. Ma non è solo un problema di risorse. Prima di tutto è una questione di carattere politico e culturale’’.

Questione politica e culturale che gli Enti coinvolti nell’odierna assemblea fondativa tentano ormai da anni di affrontare attraverso una lunga e faticosa opera di condivisione dei percorsi, anche nel confronto con le istituzioni. Un’opera fondamentale quella svolta dai tanti enti ed associazioni che su tutto il territorio provinciale gestiscono servizi essenziali sulle più diverse problematiche sociali.

Presente all’odierna Assemblea fondativa anche la Dottoressa Rosy Perrone, delegata dal Forum regionale del Terzo Settore a presiedere l’incontro che segna ufficialmente la nascita del Forum provinciale di Reggio Calabria‘’E’molto importante sottolineare questa volontà di stare insieme e di operare secondo una prospettiva comune – ha dichiarato Perrone di fronte alla gremita platea di Enti e Associazioni presenti – perché è necessario andare  oltre l’atomismo che ha caratterizzato per anni questo settore. Stare insieme significa esprimere la voglia di costruire una forma di cittadinanza consapevole, restituendo al Terzo Settore il ruolo di terzo gamba della concertazione sociale’’.

’’E’un momento che viviamo con grande emozione e con passione vera – ha dichiarato Mario Nasone del Centro Agape – ci mettiamo insieme per assumerci le nostre responsabilità rispetto al futuro della nostra terra, rispetto ai giovani ed alle fasce più deboli della popolazione. E’una sfida che dobbiamo lanciare a noi stessi, quella di restare in questa terra, non come residenti ma come cittadini. Riprendendo un vecchio slogan‘’lottare per restare, restare per costruire’’. Abbiamo bisogno di seminare luoghi che rappresentino delle speranze concrete. Il Terzo Settore è un capitale sociale grande. Da qui possono nascere opportunità, percorsi, spazi di cittadinanza attiva. Abbiamo le carte in regola per poterlo fare. Anche a Reggio, che è sempre stata una provincia molto divisa e litigiosa anche dal punto di vista politico e istituzionale, si può dare un segnale in controtendenza. Non è certamente facile mettere assieme così tante realtà, ma è una bella sfida per il nostro futuro’’.

Al termine dell’assemblea sono state composte le strutture di coordinamento secondo la votazione epressa dagli Enti che formano il nuovo Forum Provinciale.

Sono stati eletti nel comitato di coordinamento: Mario Nasone (Agape), Giuseppe Carrozza (Consorzio Terre del Sole), Valeria Bonforte (AUSER), Pasquale Neri (A Rua), Stefano Caria (ASPI Padre Monti), Mario Alberti (Coop. Rinascita), Nuccio Quattrone (Legacoop.), Maria Giovanna Ursida (Coop. Itaca), Francesco Rigitano (Don Milani), Domenico Barresi (Coop. Rose Blu), Antonella Esposito (Coop. Voce Amica), Filippo Moscato (ACLI), Filippo Tedesco (La.Dos), Emanuela Scrofani (Legambiente)

Sono stati eletti nel comitato dei Garanti: Leonardo Manti (FISM), Immacolata Cassalia (IPF Emmaus) e Alberto Giuffrè (Accademia KRONOS).

Nel collegio dei revisori sono stati eletti: Enrico Gullì (Piccola Opera Papa Giovanni) e Margherita Triolo (Libero Nocera).

(StePer)