Centro Turistico Giovanile (CTG) a Congresso

CTGComunicato stampa

E’  Congresso per il Centro Turistico Giovanile, una delle più antiche e prestigiose associazioni nazionali di turismo sociale e giovanile, fondata nel 1949 da Carlo Carretto, allora presidente della Gioventù di Azione Cattolica.

L’appuntamento è per il 30 di maggio presso il Centro Carraro,  nella storica cornice di Verona, dove le assisi nazionali dell’associazione  si ritrovano per la prima volta in questa quindicesima edizione.  Finora il Congresso, a dire il vero, non si era mai tenuto nemmeno in Veneto, una terra che negli ultimi anni si è confermata molto fertile per la crescita e la presenza associativa, soprattutto nella provincia scaligera. Una presenza che si è tradotta però non solo in rilevanti dati numerici, ma anche in una serie di importanti e significative azioni e attività nel campo della formazione e pratica turistica, culturale, ambientale, del tempo libero e dei beni artistici e monumentali.

I delegati e i dirigenti, presenti da ogni parte d’Italia, saranno i portavoce di centinaia di Comitati,  Gruppi di base, Circoli e Case per Ferie, eletti in maniera democratica nelle fasi provinciali e  regionali  in rappresentanza di alcune decine di migliaia di soci.

Si confronteranno su un tema accattivante come quello indicato nel titolo congressuale “Animare, radicare, incontrare, accogliere…per noi è sempre CTG” e   avranno modo di approfondire le varie tematiche che oggi toccano nel concreto questo settore.

Sarà  approfondito in particolare l’argomento dello sviluppo qualitativo  del turismo sociale, in una particolare sessione  che ha ottenuto non solo il patrocinio della Fitus (Federazione Italiana del Turismo Sociale), dell’OITS (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), del Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche della prestigiosa Università La Sapienza di Roma, ma anche il contributo diretto di suoi primari esponenti dalla tribuna  del convegno.

Da qui sono  previsti anche gli interventi di  esponenti di altre associazioni, di organismi  vari e di Enti pubblici presenti sia a livello locale che regionale e nazionale.

Fino a lunedì 2 giugno non mancheranno poi le esposizioni delle “buone pratiche”, la valorizzazione di  varie eccellenze regionali, alcune uscite in città e in provincia  per la messa in pratica delle metodologie di animazione e conoscenza del territorio che il CTG ha ormai da anni nel suo bagaglio di competenze e capacità.

Ugualmente non potranno essere assenti i  riferimenti e suggerimenti in merito alla recente proposta governativa  di riforma del Terzo Settore, considerato che il CTG è pienamente parte di questo importante segmento.  Esso è infatti  iscritto come Associazione di Promozione Sociale nel Registro del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e gli è attribuito il titolo di  Ente Nazionale con Finalità Assistenziali con provvedimento del Ministero dell’Interno. Non sono peraltro gli unici riconoscimenti, considerato che l’associazione ha anche un protocollo di Intesa con il Ministero dell’Istruzione  ed è l’unica associazione  del settore turistico formalmente riconosciuta come ecclesiale  dalla Conferenza Episcopale Italiana.

I lavori si prefiggono anche l’intento di rinnovare e rinforzare la squadra dirigente del Centro Turistico Giovanile, rilanciandola con forza in un tempo nuovo come è quello attuale, carico di incertezze e –  insieme –  di stimolanti sfide rivolte al mondo dei  giovani, ma anche delle famiglie e degli adulti.

Non si tratterà quindi solo di rinnovare le cariche sociali , ma soprattutto di sterzare verso programmi innovativi e  prospettive ardite, nel quadro di  un  Futuro possibile di cui il CTG vuole continuare a essere protagonista.

Roma, 30.5.2014 – a cura dell’Ufficio Stampa del CTG  – ufficiostampa@ctg.it –   www.ctg.it