Competitività e valore economico: presentato l’ottavo rapporto dell’osservatorio ISNET sulle imprese sociali

“Nella legge delega l’intento e’ quello di rimettere mano all’Impresa Sociale per allargarne i campi di attività, introdurre una possibilità di ripartizione – seppur moderata – degli utili, e dare una fiscalità di vantaggio, prendendo a spunto le norme delle start up innovative. L’economia sociale e’ un grande fattore di sviluppo del lavoro e noi vorremmo farne un altro caso di successoriconoscibile a livello europeocosi l’on. Luigi Bobba, sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Socialiche ha aggiunto “A metà novembre è in programma un grande appuntamento europeo, voluto dal Ministro Poletti, incentrato sull’economia sociale e solidale con obiettivo la stesura di un documento politico conclusivo spendibile nelle scelte politiche europee”.

Il Rapporto Isnet, on line nel sito www.impresasociale.net, ha evidenziato performances e sentiment: per il 47,4% delle imprese sociali il 2014 sarà un anno “stabile”, per il 26,7% in crescita mentre prevede difficoltà solo il 24,3%; quasi la metà (48,8%) delle organizzazioni che vede in crescita il 2014 prevede anche di incrementare i livelli occupazionali. Inoltre chi ha migliori relazioni con gli stakeholders (enti pubblici, aziende, media, altre organizzazioni non profit) ha anche migliori risultati economici.

Su questo tema è stata incentrata la rotonda “Lavorare con l’impresa sociale”  successiva alla presentazione dei dati.“Abbiamo cominciato a a scrivere insieme un libro che se ben gestito e strutturato non vedrà mai la parola FINE”. Cosi Paolo Amicucci della Eurovix spa ha sintetizzato l’ottima collaborazione che la sua azienda ha con il mondo dell’impresa sociale: un giudizio condiviso da Giusto Curti e Gianni Martino gli altri esponenti del mondo imprenditoriale profit  che si sono confrontati con alcuni esponenti del mondo dell’impresa sociale.

Laura Bongiovanni, presidente dell’Associazione  Isnet e responsabile dell’Osservatorio ha così commentato: “L’impresa sociale è diventata un concreto crocevia di imprenditorialità, socialità e partecipazione attiva dei cittadini e le parole del sottosegretario Bobba ci fanno pensare che sia davvero giunto il momento in cui le saranno dati i riconoscimenti di status, fiscali e civilistici che da tempo merita”.

L’Osservatorio è una indagine continuativa su andamento, sentiment, dinamicità relazionale e propensione all’innovazione dell’impresa sociale realizzata attraverso interrogazioni periodiche ad un Panel rappresentativo imprese sociali in Italia (cooperative sociali di tipo A e B e loro Consorzi). Ad oggi rappresenta l’unica rilevazione in grado di offrire serie storiche su tali temi e trend di sviluppo articolati su otto annualità, a partire dal 2007.

L’Associazione Isnet dialoga con una rete di oltre 1000 imprese sociali in tutta Italia, con l’obiettivo di favorire la loro crescita e visibilità, attraverso azioni di networking capaci di valorizzare congiuntamente dimensione economica e sociale delle organizzazioni.

 

ufficio stampa:
PaolaScarsi 347 3802307
Associazione Isnet

Stampa questo articolo