FTS Territoriale Modena – Un codice di autoregolamentazione

codice modenaFonte: http://www.provincia.modena.it/page.asp?IDCategoria=6&IDSezione=343&ID=124003

«Trasparenza, contrasto ai finti circoli e lotta ad alcol e droghe». Il mondo dell’associazionismo modenese si autoregolamenta per garantire una maggiore trasparenza ma soprattutto contrastare le attività di lucro che a volte si celano dietro lo statuto di associazione e l’impegno contro l’abuso di alcol e droghe e la dipendenza da gioco. Sono dieci le associazioni (Aics, Ancescao, Anspi, Arci, Auser, Csi Carpi, Csi Modena, Endas, Us Acli, Uisp) che insieme al Forum provinciale del Terzo Settore di modena hanno scelto di aderire al Codice provinciale di autoregolamentazione.

Dopo Reggio-Emilia, Ferrara e Forlì, anche Modena quindi ha scelto di promuovere questa iniziativa proiezione del Codice regionale promosso nel 2013 nell’ambito del progetto «Associati con chiarezza» finanziato dalla Regione Emilia Romagna attraverso i contributi destinati alle Associazioni di promozione sociale. «Il mondo dell’associazionismo – sottolinea Giancarlo Muzzarelli , presidente della Provincia – ha un’importanza straordinaria per il benessere della società modenese. È vitale e mette in movimento energie preziose. Le nuove regole assicurano massima trasparenza e valorizzano i comportamenti virtuosi», mentre Albano Dugoni, portavoce provinciale del Forum Terzo Settore, spiega che «a volte dietro al no profit virtuoso si nascondono i soliti furbetti che cercano di essere considerati quale parte dell’Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. Il tratto distintivo del no profit va fatto emergere. Prima ancora dell’intervento delle riforme nazionali, degli osservatori, dei controlli e dei provvedimenti conseguenti, mettiamo in campo la responsabilità, la trasparenza e la capacità di darci regole condivise». Per Stefano Gobbi , presidente del Csi Modena, che a livello provinciale ha fatto da capofila per la sottoscrizione del codice tra le Aps, «è fondamentale che ciascuna associazione firmataria applichi al suo interno e nei circoli o società sportive aderenti il Codice al fine di prevenire ogni forma di abuso e scoraggiando quindi l’adesione da parte di gruppi che, per propri scopi personali, intendono sfruttare le leggi che regolano l’associazionismo. Valorizzare lo strumento associativo è quindi il nostro primo obiettivo: la condivisione di questo documento favorirà la trasparenza e la riconoscibilità del lavoro di ciascuna associazione, migliorando inoltre la collaborazione con le istituzioni e promuovendo la costruzione di un nuovo sistema di partecipazione», men tre Anna Lisa Lamazzi , presidente Arci Modena, sottolinea che «crediamo sia fondamentale mettere a disposizione dei dirigenti delle associazioni gli strumenti che li guidino nella corretta interpretazione delle regole, che oggi si sono moltiplicate e poter così garantire trasparenza e legalità, principi fondamentali dell’associazionismo. Ed è per questo motivo che il progetto ci ha visti tra i promotori sia a livello regionale che locale». n Aics, Ancescao, Anspi, Arci, Auser, Csi Carpi, Csi Modena, Endas, Us Acli, Uisp.

Stampa questo articolo