LINK 2007 – Aiutare la Tunisia per aiutare l’Italia e l’Europa

Public Domain.  Suggested credit: Detroit Publishing/Library of Congress via pingnews.  Additional information from source:

Credit: Detroit Publishing/Library of Congress via pingnews. 

La situazione in Tunisia richiede un forte sostegno internazionale per prevenire una nuova ‘rivoluzione del pane’, che potrebbe avere conseguenze disastrose

La rete di Ong ‘LINK 2007’ – 15 febbraio 2016

Agli Stati conviene prevenire, spendendo quanto necessario, piuttosto che rincorrere gli eventi e spendere molto di più intervenendo per cercare di tamponare i conflitti, con le distruzioni, le indicibili sofferenze, i massacri, gli esodi di persone e le insicurezze e destabilizzazioni che essi provocano ovunque.

L’UE, gli Stati membri e le Istituzioni finanziarie e di sviluppo internazionali sono invitate a muoversi, finché si è ancora in tempo, per contenere le periodiche ribellioni in Tunisia, a pochi chilometri dall’Italia, e prevenire una possibile destabilizzazione del paese, sostenendone decisamente l’esemplare ma fragile democrazia, l’unica realizzata con le ‘primavere arabe’.

Sono le Ong di sviluppo e umanitarie della rete ‘Link 2007’ ad esprimere, con un articolato e motivato documento inviato alle Istituzioni italiane e a quelle europee, la grande preoccupazione per il futuro della Tunisia. L’hanno fatto forti della loro pluriennale esperienza in paesi e contesti che in breve tempo si sono trasformati in aree di guerra, spesso sorprendendo l’UE e i paesi europei. È un invito a prevenire, piuttosto che intervenire per aggiustare, come troppo spesso è stato fatto finora.

La Tunisia, il paese mediterraneo più vicino all’Italia, è oggi in bilico tra il rafforzamento del processo democratico e la destabilizzazione con prevedibili e devastanti conseguenze su migrazioni e terrorismo. Investire sulla Tunisia e i paesi limitrofi, anche sostenendo gli sforzi della società civile, è investire sul nostro futuro di stabilità e di pace. Un tracollo della Tunisia metterebbe infatti a rischio la stessa sicurezza e stabilità in Italia e in Europa, e non sarà a costo zero.

La via che le Ong di ‘Link 2007’ propongono è quella della costituzione, in tempi rapidi, di uno specifico Fondo internazionale formato da contributi della Commissione europea, degli Stati membri, di tutti i paesi interessati, delle Istituzioni finanziarie e di sviluppo europee e internazionali, comprese quelle arabe e islamiche, prendendo in considerazione la Tunisia insieme ai due paesi confinanti, Libia e Algeria. Un fondo fiduciario per la realizzazione di un ‘piano Marshall’, di cui l’Italia, data la vicinanza, potrebbe farsi promotrice.

Per la sola Tunisia serviranno, secondo le stime di Link 2007 basate sul bilancio dello Stato, almeno 20 miliardi di euro all’anno per i prossimi cinque anni, finalizzati agli investimenti prioritari, con lo scopo di restringere la forbice delle disuguaglianze che pesano in particolare sulle regioni interne e le periferie urbane degradate, di ridurre drasticamente la disoccupazione e di attrarre nuovi capitali e investitori esterni. Senza interventi rapidi e significativi la Tunisia potrebbe vivere una nuova rivoluzione popolare: molto probabilmente distruttiva, questa volta, che metterebbe a rischio tutta l’area euro-mediterranea, a partire dalla vicina Italia.

Roma 15 Febbraio 2016

Il documento di Link 2007

_______________________________

“LINK 2007 – COOPERAZIONE IN RETE” promuovere forme attive di collaborazione e coordinamento tra alcune delle maggiori Ong Italiane di cooperazione internazionale, proponendosi come interlocutore con le altre reti di Ong e con le istituzioni nazionali, europee ed internazionali per promuovere e affermare la coerenza delle politiche e l’efficacia della cooperazione allo sviluppo e degli interventi umanitari.

È formata dalle Ong: CESVI, CISP, COOPI, COSV, MEDICI CON L’AFRICA CUAMM, GVC, ICU, INTERSOS, LVIA e, come Ong osservatrici, WORLD FRIENDS, ELIS e CCM.

www.link2007.org

segreteria c/o Cisp, Via Germanico, 198 00192 Roma Tel +39 06 3215498 presidenza@link2007.org

Stampa questo articolo