Tredici nuovi eventi in calendario entro maggio in Cascina Triulza

Sono già tredici le iniziative previste negli spazi di Cascina Triulza entro la fine di maggio, promosse da organizzazioni del terzo settore e da enti privati che vogliono continuare ad approfondire – proprio nell’ex Padiglione della Società Civile – temi quali la sicurezza alimentare, la lotta alla contraffazione, i sistemi di controllo nella produzione degli alimenti, l’innovazione dei servizi di volontariato, il cibo come strumento di valorizzazione delle diversità, il rapporto tra ricerca e terzo settore o la promozione della cittadinanza attiva tra i giovani.

Cascina Triulza, l’unica struttura rimasta aperta e operativa dopo la chiusura di Expo, è gestita da Fondazione Triulza, network che raggruppa 67 tra le principali organizzazioni del terzo settore italiano e che ha deciso di portare avanti la legacy di Expo ospitando e promuovendo percorsi per la promozione dell’innovazione sociale e di nuovi modelli di sviluppo sostenibile. Dalla fine di Expo, gli spazi unici e completamente attrezzati di Cascina Triulza hanno accolto cinque eventi con oltre 800 partecipanti mentre le tredici iniziative già in calendario per i prossimi tre mesi prevedono il coinvolgimento di circa 1900 persone, tra operatori, volontari e giovani. Come annunciato dalla sua costituzione, Fondazione Triulza prosegue con l’impegno di approfondire e dare continuità ai temi e alle proposte che la società civile aveva portato a Expo Milano, attraverso i sui progetti e attività, molto focalizzate sull’innovazione sociale, e valorizzando le iniziative delle organizzazioni del terzo settore e dell’economia civile.

Fra i primi appuntamenti pubblici in calendario, sabato 5 marzo si terrà il convegno “Sicurezza Alimentare e Lotta alla Contraffazione: ricerca, qualità e cooperazione”, organizzato dall’Istituto Italiano Fernando Santi, uno dei partecipanti durante il semestre Expo. Ricercatori, tecnici e rappresentanti istituzionali parleranno delle politiche italiane ed europee atte a tutelare la ricchezza e varietà del patrimonio agroalimentare italiano, del ruolo della cooperazione e della ricerca per una migliore sicurezza alimentare e nutrizionale. Operatori e volontari di Anteas Lombardia approfondiranno il 12 aprile il tema del volontario e dell’innovazione sociale, mentre il Forum delle Comunitàpresenterà il 29 aprile un canale digitale terrestre nazionale che si configura come la prima piattaforma di sharing economy di comunicazione sociale.

Le iniziative già in calendario a maggio prevedono il coinvolgimento di un pubblico numeroso ed eterogeneoFondazione Triulza sta preparando per i primi del mese un’intera giornata sul rapporto tra ricerca e terzo settore; ACLI Milano organizzerà durante tutta la giornata del 15 maggio un ricco programma di attività dedicate ai dipendenti, collaboratori, volontari e i loro familiari con particolare attenzione ai bambini e ai ragazzi; WeWorld, Onlus che promuove e difende i diritti dei bambini e delle donne, torna in Cascina lunedì 16 con il Debate Day conclusivo del torneo “EXPONI le tue IDEE!” che ha coinvolto decine di scuole superiori di tutta Italia in una competizione educativa e di oratoria su democrazia e cittadinanza attiva; Amici Casa della Carità organizza il 18 e il 19 maggio due laboratori per bambini delle scuole primarie per declinare il tema del cibo dal punto di vista del multiculturalismo e delle diversità e, nello stesso periodo, un convegno sui temi della salute in una prospettiva che privilegia fragilità e fasci deboli.

Diverse anche le attività di formazione già in programmaCSVnet Lombardia (4 marzo) si focalizzerà sui processi di innovazione dei servizi di volontariato, AiFOS-Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (7 aprile) organizza un corso rivolto a formatori e consulenti aziendali per migliorare le proprie competenze metodologiche e tecniche sulla sicurezza alimentare, JCI-Italia (16 aprile) si occuperà dei cambiamenti climatici e accesso al cibo e l’acqua; Punto Sicuro, primo quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, si concentrerà sui rischi di genere, età e tecnostress (20 maggio).

In fase di definizione altre proposte provenienti dal mondo cooperativo e associativo.

Stampa questo articolo