Legacoopsociali – Rom e non solo: superare le baraccopoli, dare casa ai diritti umani

Iniziativa-20-aprile-2016-Roma-locandina-e-programmaA Roma il 20 aprile la proiezione del film: “I ricordi del fiume” diretto da Gianluca e Massimiliano De Serio

COMUNICATO STAMPA

 

Roma–“I ricordi del fiume” di Gianluca e Massimiliano De Serio è un film documentario, prodotto da La Sarraz Pictures con Rai Cinema, sul Platz, la più grande baraccopoli d’Europa in cui vivevano oltre mille persone di diverse nazionalità, situata sugli argini del fiume Stura a Torino. Quel dedalo di legno e lamiere, baracche, luoghi di aggregazione, bar, chiese, costruito nell’immondizia, continua a vivere nel documentario, dopo che il percorso di sgombero finanziato da fondi pubblici e gestito da una cordata di realtà territoriali, avrà cancellato, l’intera baraccopoli.“I ricordi del fiume” di Gianluca e Massimiliano De Serio uscirà nelle sale cinematografiche dal 21 aprile e a Roma sarà in programmazione al cinema Apollo 11. Per conoscere l’elenco delle sale e delle città in cui il film-documentario è programmato: www.lasarraz.com/distribuzione

Il 20 aprile Legacoopsociali e Associazione 21 Luglio presenteranno la proiezione a Roma, Sala Apollo 11 di via Nino Bixio 80/A. Alle ore 18 la pellicola sarà introdotta da una discussanta cui partecipano: Mario Morcone -capo dipartimento Libertà civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno, Carlo Stasolla – presidente Associazione 21 Luglio, Paola Menetti – presidente Legacoopsociali, Massimiliano Ferrua– cooperativa sociale Animazione Valdocco di Torino, i registi Gianluca e Massimiliano De Serio.

“I ricordi del fiume” di Gianluca e Massimiliano De Serio uscirà nelle sale cinematografiche dal 21 aprile, distribuito da La Sarraz Pictures.

Sinossi del film

Il Platz, una delle baraccopoli più grandi d’Europa, sorge lungo gli argini del fiume Stura a Torino da tanti anni.Un progetto di smantellamento si abbatte sulla comunità di più di mille persone che lo abita. In una labirintica immersione, I ricordi del fiume ritrae gli ultimi mesi di esistenza del Platz, tra lacerazioni, drammi, speranze, vita.

I registi

“Quando abbiamo saputo dell’avvio del processo di smantellamento del Platz abbiamo deciso di addentrarci nel quotidiano dell’ultimo anno e mezzo di vita di questo labirinto di baracche.Nel percorso di conoscenza e di riprese, abbiamo compreso che non si trattava tanto di documentarne la cronaca, quanto piuttosto di raccoglierne i ricordi e salvarne le impressioni come in un impossibile atto di resistenza, di trattenimento delle immagini, della dignità, delle parole e dei gesti”.

 

Giuseppe Manzo
www.legacoopsociali.it
0684439348 – 349 45 31 262

Stampa questo articolo