ISNET – Economia sociale: le prospettive aperte dalla Riforma del Terzo Settore e dalla Legge di Stabilità

Si è tenuta il 12 luglio a Roma, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, la presentazione dei dati della 10° Edizione dell’Osservatorio Isnet sull’Impresa sociale, organizzata in collaborazione con il Centro Nazionale per il Volontariato.

La Legge Delega per la Riforma del Terzo Settore, da pochi giorni in vigore con le novità per l’Impresa sociale e l’introduzione nel nostro ordinamento giuridico delle Società Benefit con la Legge di Stabilità, segnano l’apertura dell’economia sociale a nuovi attori organizzativi.

Associazione Isnet nell’ambito della 10a edizione dell’Osservatorio sull’Impresa sociale, ha interrogato i propri panel “classici” di Cooperative sociali (400) e Imprese sociali (100) ex lege e – per la prima volta – 10 Società Benefit con certificazione B Corp ad oggi presenti in Italia, sulle potenzialità legate alle trasformazioni in atto.

Allo stato attuale, sono 1.053 le Imprese sociali ex lege (D. Lgs. 155/2006 Disciplina dell’Impresa sociale, a norma della Legge 118/2005). Numero che salirà ad almeno 15.100, in attuazione della Riforma del Terzo Settore, che sancisce lo status di diritto di Impresa sociale per tutte le Cooperative sociali e i loro Consorzi.
A questo panorama si aggiungono poi le Società Benefit e le B Corp, società profit a tutti gli effetti , ma con ricadute sociali delle proprie attività. Sono 10 ad oggi le aziende che vantano la qualifica di Società Benefit e la certificazione B Corp, ma il panorama è in forte evoluzione con 50 aziende che stanno ottenendo la certificazione.
Chiaramente, questo cambio di scenario è accompagnato da una ulteriore serie di modificazioni per le Imprese sociali: la possibilità di introdurre forme di remunerazione del capitale conferito e la richiesta oltre al bilancio sociale di misurazioni di impatto sociale, sono alcune delle principali novità introdotte dalla Riforma.
È innegabile come questi aspetti intervengano sulla linea di confine che sino ad oggi ha demarcato il limite di profit e non profit.

Entrando nel merito dei dati forniti dall’indagine, è significativa la polarizzazione nel campione di Cooperative sociali tra “riformisti” (28,4% del campione), favorevoli all’ingresso di nuovi attori, per gli effetti di contaminazione positiva, l’acquisizione di know how e la maggiore dinamicità organizzativa che ne può conseguire, e “tradizionalisti” (35,8% del campione), che al contrario temono l’innescarsi di meccanismi competitivi con imprese che assumono la veste sociale prevalentemente per motivi opportunistici . La restante parte delle Cooperative sociali intervistate non ha ancora maturato una posizione.
Nel gruppo dei “riformisti” le performance economiche sono migliori, così come gli indicatori di innovazione e di tenuta degli assetti occupazionali (il 50,9% dei “riformisti” prevede un andamento economico in crescita contro il 35,1% dei “tradizionalisti”).

“In sintesi – commenta Laura Bongiovanni presidente dell’Associazione Isnet e responsabile dell’Osservatorio – i riformisti non sembrano preoccupati dell’ingresso di nuovi attori nella sfera dell’economia sociale che rappresenta al contrario un’opportunità, una sfida per il miglioramento; sono già forti e non temono il confronto. Dal lato opposto, i tradizionalisti non ne fanno una questione di salvaguardia e marcatura del territorio, così come si potrebbe facilmente pensare, ma si appellano ai principi fondativi, allo spirito e ai valori che guidano il fare Impresa sociale, che non possono essere assolutamente confusi con obiettivi di profitto”.

Sul fronte delle Società Benefit e B Corp, come ci si poteva attendere, gli atteggiamenti sono solo positivi: le collaborazioni con la Cooperazione sociale rappresentano una opportunità, ancora in gran parte inesplorata, anche per acquisire know how nelle esperienze di generazione del valore sociale.

“La creazione di percorsi di accompagnamento e di valorizzazione reciproca tra profit e non profit – continua Laura Bongiovanni – è un obiettivo che da tempo perseguiamo e l’Osservatorio Isnet rappresenta sia un momento di sintesi, ma soprattutto un’occasione per cogliere opportunità in questa direzione. Osserviamo con favore, casi di contaminazione molto interessanti; ad esempio, imprese profit che chiedono consulenza al Terzo Settore sul piano degli inserimenti occupazionali di persone svantaggiate; il welfare aziendale per la fornitura di servizi ai dipendenti e per la sanità integrativa, anche con il coinvolgimento delle Società di Mutuo Soccorso; ancora, il social procurement per l’acquisto di prodotti e servizi con ricadute e impatto sociale. Proprio sull’impatto sociale, stiamo ultimando un’analisi di valutazione che verrà presentata il prossimo autunno”.

Per il Sottosegretario al Welfare, Luigi Bobba, “Quello con l’Associazione Isnet è un appuntamento importante, uno zoom sulle imprese sociali che quest’anno si è allargato per capire meglio i soggetti che stanno nel campo dell’economia sociale. I dati forniti dall’Osservatorio Isnet ci dicono già qualche cosa di quello che saremo. Quest’area, quella dell’economia sociale o white economy è un’area con potenzialità occupazionali importanti”. “Facilitare l’accesso al credito, favorire l’investimento nel capitale, non tassare gli utili totalmente reinvestiti nell’oggetto sociale dell’impresa” sono le scelte fatte nell’ambito della Riforma del terzo Settore a favore del suo sviluppo.

“I dati Isnet – ha affermato Edoardo Patriarca, parlamentare e presidente del Centro Nazionale per il Volontariato – possono aiutare la politica a cogliere gli elementi di novità dell’impresa sociale che sta allargando i suoi confini. La sfida della contaminazione con modelli e pratiche diverse riguarda tutto il non profit ed è il tema a cui il Centro Nazionale per il Volontariato dedicherà il classico seminario formativo estivo di Lucca il 2 e 3 settembre prossimo. Il mondo del volontariato e dell’associazionismo ha fra le sue vocazioni proprio quella di essere generatore dell’impresa sociale”.

L’Osservatorio Isnet anche quest’anno conferma i trend di crescita dell’economia sociale: le Imprese sociali hanno svolto attività per 20,6 miliardi di euro e impiegato 735 mila addetti. Il 37,2% delle Cooperative sociali dichiara di aver incrementato il proprio volume di attività facendo così registrare un +3,6% rispetto al 2015. Sul fronte dell’impatto sociale, solamente in termini di inclusione lavorativa, il sistema occupa 67.100 soggetti svantaggiati (L. 381/91).
A tal proposito è in corso un’analisi di valutazione delle ricadute qualitative e quantitative dell’inserimento lavorativo di personale svantaggiato da parte delle Cooperative sociali di tipo B in Italia; sarà la prima analisi di impatto sociale a livello macro sistemico condotta attraverso modello SROI e linee guida GECES e verrà presentata in autunno da Isnet.
Altri dati dell’Osservatorio saranno divulgati da qui alla fine dell’anno.

ASSOCIAZIONE ISNET (www.impresasociale.net) è una Associazione costituita nel 2007 che dialoga con un network di 1233 organizzazioni del terzo settore con l’obiettivo di sostenere lo sviluppo delle Imprese sociali favorendo le relazioni, i processi di innovazione e diversificazione delle attività. A tal fine, l’Associazione ISNET realizza studi e ricerche per identificare opportunità da offrire al proprio network. L’Osservatorio ISNET sulle Imprese sociali è ad oggi l’unica indagine in Italia con serie storiche e indicatori costantemente aggiornati, articolati su 10 annualità.

http://www.impresasociale.net

Isnet- 10° Edizione dell’Osservatorio Isnet sull’Impresa sociale- Anteprima dei dati_luglio2016

Stampa questo articolo