Intesa Sanpaolo – “Fondo di Beneficenza ed Opere di carattere sociale e culturale”

Intesa Sanpaolo destina, tramite il “Fondo di Beneficenza ed Opere di carattere sociale e culturale”, una quota degli utili distribuibili in favore di progetti di solidarietà e utilità sociale. Il Fondo è disciplinato da un Regolamento coerente con gli impegni indicati nel Codice Etico del Gruppo, allo scopo di condividere con la comunità l’attenzione alla persona, ai diritti umani, alla solidarietà economica e sociale, allo sviluppo sostenibile, alla conservazione dell’ambiente e al sostegno alla cultura e all’educazione. Nella scelta dei settori e dei progetti di intervento viene prestata particolare attenzione ai valori di riferimento, al merito delle iniziative proposte e all’importanza dei bisogni sociali che intendono soddisfare.

Da quest’anno è stato deciso di dare la più ampia possibilità alle organizzazioni giuridicamente riconosciute e senza fini di lucro di accedere ai fondi stanziati nell’ambito della programmazione annuale.

Le erogazioni liberali sono soggette a un Regolamento che prevede caratteristiche specifiche degli Enti e dei progetti sottoposti a valutazione e meccanismi di gestione recentemente rinnovati.

Per quanto riguarda gli Enti, sono esclusi dai possibili richiedenti i privati cittadini, gli enti coinvolti in controversie giudiziarie, in questioni che attengono la criminalità organizzata e il mancato rispetto dei diritti umani, della convivenza pacifica e della tutela dell’ambiente, i gruppi ricreativi, i club di servizio, organizzazioni sindacali e di patronato, partiti, movimenti politici e loro articolazioni organizzative.

Le richieste per progetti di piccola dimensione, con impegno fino a 5.000 euro (liberalità territoriali), sono gestite in modo decentrato dalle Direzioni Regionali di Intesa Sanpaolo. Le istanze possono essere presentate direttamente tramite le filiali di Intesa Sanpaolo, Banco di Napoli, Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, Cassa di Risparmio Friuli Venezia Giulia e Cassa di Risparmio in Bologna.

Le richieste con impatto più significativo, sia dal punto di vista territoriale che in termini di obiettivi e beneficiari e che prevedono un impegno superiore ai 5.000 euro (liberalità centrali), vengono gestite centralmente dall’Ufficio del Presidente del Consiglio di Amministrazione.

Nel merito dei progetti, per entrambe le tipologie di liberalità, vengono valutate iniziative specifiche (non è previsto il supporto alle attività ordinarie) e a chiaro impatto sociale. Viene richiesto di illustrare la comprovata capacità di raggiungere gli obiettivi dichiarati nel progetto per precedenti esperienze dirette o di enti similari per dimensione e attività (track record). E’, inoltre, previsto un meccanismo di rotazione che garantisca il più ampio, vario e flessibile utilizzo del Fondo e in particolare un limite massimo di 3 anni consecutivi per lo stesso progetto, previa verifica dei risultati raggiunti. Non viene data priorità a interventi di natura strutturale (ristrutturazioni, ampliamenti e messe a norma di edifici; acquisto di arredi).

Non è previsto il sostegno a iniziative con valore commerciale e promozionale della Banca e del Gruppo con l’esposizione del logo di Intesa Sanpaolo. Eventuali iniziative oggetto di sponsorizzazione non possono contemporaneamente essere beneficiarie di erogazioni liberali.

Nel corso del 2017 verranno redatte nuove linee guida relative agli obiettivi e alle priorità strategiche del Fondo e verranno sviluppati nuovi meccanismi di raccolta delle richieste e relativa valutazione (gennaio-aprile/luglio-ottobre: presentazione richieste; maggio-giugno/novembre-dicembre: valutazione, selezione ed erogazione). Saranno anche implementati meccanismo di bando, in particolare per l’ambito della ricerca.

E’ in corso di attivazione un sistema di presentazione delle richieste on-line con accesso diretto tramite il sito istituzionale di Intesa Sanpaolo che sostituirà in via definitiva la modulistica cartacea.

Per quest’anno, il plafond residuale è limitato e l’assegnazione dei fondi circoscritta a proposte di breve periodo (interventi di durata entro l’anno). Per poter accedere ai fondi stanziati per il corrente anno, valuteremo le richieste pervenute entro e non oltre la fine di novembre.

Fondo Beneficenza ed Opere di carattere sociale e culturale

Per informazioni: fondobeneficenza@intesasanpaolo.com

 

Stampa questo articolo