“I diritti delle persone con disabilità sono diritti inalienabili cui non si può e non si deve rinunciare”

La dichiarazione del coordinatore della Consulta disabilità e non autosufficienza del Forum Nazionale del Terzo Settore, Roberto Speziale, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità

Si celebra oggi, in tutto il mondo, la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Quest’anno il tema individuato è “Rafforzare l’empowerment delle persone con disabilità e garantire inclusione e uguaglianza”, in linea con l’impegno fondamentale degli obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu a “non lasciare nessuno indietro” e a consentire a tutti di dare il proprio contributo per ridurre le disuguaglianze e promuovere uno sviluppo inclusivo e sostenibile.

Nel mondo sono più di 1 miliardo le persone che vivono con una qualche forma di disabilità. Il Rapporto ONU sulla disabilità e lo sviluppo 2018 – Realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile da, per e con le persone con disabilità – pubblicato oggi mostra che le persone con disabilità sono svantaggiate rispetto alla maggior parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, ma evidenzia anche che cresce il numero delle buone pratiche che possono creare una società più inclusiva nella quale possano vivere in modo indipendente.

La giornata del 3 dicembre deve ricordarci che i diritti delle persone con disabilità sono diritti inalienabili cui non si può e non si deve rinunciare. Tutti noi, singoli cittadini, organizzazioni ed istituzioni, oggi in particolare, ma ogni giorno, abbiamo il dovere di impegnarci per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie in Italia ed in tutto il mondo. Per garantire loro una piena inclusione e partecipazione nella società, abbattendo le barriere che limitano diritti imprescindibili.” Così Roberto Speziale, coordinatore della Consulta disabilità e non autosufficienza del Forum Nazionale del Terzo Settore.