Obblighi di trasparenza e di pubblicità, scadenza entro il 28 febbraio 2019

Entro la fine del mese associazioni, fondazioni e onlus hanno l’obbligo di pubblicare nei propri siti o portali digitali le informazioni relative a qualsiasi “sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque a vantaggi economici di qualunque genere” superiore a 10mila euro ricevuto dalle pubbliche amministrazioni. Per gli enti associativi non sono previste sanzioni. Le cooperative sociali sono invece tenute a pubblicare tali dati all’interno della nota integrativa al loro bilancio, pena severe sanzioni (sino alla integrare restituzione di quanto ricevuto).

La Legge annuale per il mercato e la concorrenza (art. 1, commi 125-129, Legge n. 124/2017 ) ha infatti introdotto alcuni obblighi di pubblicità e trasparenza a carico di una pluralità di soggetti che intrattengono rapporti economici con le Pubbliche amministrazioni e con altri soggetti pubblici.

“…Sia gli enti non profit, sia le aziende devono dare evidenza pubblica del fatto che hanno ricevuto somme derivanti da enti pubblici, anche con finalità di prevenzione della corruzione. Per le aziende basta la pubblicazione dei dati nella nota integrativa del bilancio di esercizio e nella nota integrativa dell’eventuale bilancio consolidato, entro il termine della loro pubblicazione. Per le organizzazioni non profit, invece, si richiede uno sforzo maggiore. Pur essendo prossima l’entrata a regime della riforma del terzo settore che prevede, tra l’altro, l’obbligo di invio al futuro Registro unico nazionale del terzo settore dei rendiconti o bilanci (che pertanto diventeranno di pubblica fruizione), il legislatore ha preferito aggiungere l’obbligo di pubblicazione delle informazioni relative alle entrate (sovvenzioni, incarichi, contributi di qualsiasi genere). Questa pubblicazione non è particolarmente agevole, perché avviene due mesi prima dell’approvazione del bilancio (per tacere di chi non ha l’anno coincidente con l’anno solare) e online, pertanto sul sito istituzionale dell’ente, per chi ne è provvisto, sul sito della rete associativa di riferimento o – come chiarito recentemente dal ministero del Lavoro – sul sito dei centri di servizio per il volontariato…” [Fonte: Non profit, entrate pubbliche online entro il 28 – Il Sole 24 Ore del 25 febbraio 2019 – Articolo di Carlo Mazzini]

A tal proposito, a gennaio il Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha pubblicato la circolare n. 2 dell’11 gennaio 2019 con la quale ha fornito chiarimenti in merito al contenuto degli obblighi di trasparenza e pubblicità posti dalla legge.

Qui l’articolo pubblicato sul nostro sito: Adempimento degli obblighi di trasparenza e di pubblicità