Terzo settore: il Forum incontra il Presidente Mattarella

La portavoce Fiaschi, “Dal Capo dello Stato un’attenzione importante verso il nostro mondo e le attività per cui siamo impegnati”

Roma, 3 marzo 2019 – “E’ davvero un grande onore  per  il variegato mondo del Terzo settore incontrare il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E’ per tutti noi un riconoscimento importante del ruolo che quotidianamente svolgiamo al servizio delle persone e dei territori più fragili“.

Lo dichiara Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore, in vista dell’incontro in programma il prossimo 4 marzo con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a cui parteciperà una delegazione del mondo del volontariato e del non profit italiano. Oltre alla stessa Fiaschi saranno presenti il direttore Maurizio Mumolo, i componenti del comitato esecutivo del Forum Raffaele Caprio, Gianni Salvadori, Enzo Costa (coordinatore della consulta del volontariato), Vincenzo Manco, Eleonora Vanni (Coordinatrice della consulta impresa sociale) e Giancarlo Moretti (coordinatore consulta delle Associazioni di promozione sociale).

In questi anni il Presidente Mattarella – continua Fiaschi – non ha mai fatto mancare la sua fattiva attenzione verso questo mondo; nei momenti di difficoltà, nel dialogo con le istituzioni, abbiamo sempre trovato nella sua persona una grande capacità di ascolto e comprensione della quale gli siamo profondamente grati. Ne è stato un esempio inaspettato e graditissimo il riconoscimento che ha voluto tributare, nel saluto di fine anno agli italiani, all’opera quotidiana che svolgono nelle nostre comunità oltre 340.000 organizzazioni e milioni di volontari ed operatori ”.

“Per noi dunque – conclude la portavoce del Terzo Settore – la visita al Quirinale sarà l’occasione per ringraziare il Presidente Mattarella e condividere le sfide del presente e del futuro a partire dalla piena e coerente attuazione della riforma, l’impegno sugli obiettivi dell’agenda 2030 dell’Onu, il rafforzamento dei valori e della qualità organizzativa degli enti di Terzo settore, l’impegno attivo delle nuove generazioni. Siamo consapevoli del ruolo che il Terzo settore svolge da sempre e potrà svolgere nel futuro per il progresso sociale ed economico del Paese e delle comunità. Un ruolo che in questo tempo si carica di nuove responsabilità che contiamo di onorare al meglio anche al fianco delle istituzioni del nostro Paese ”.