Lavoro: il settore occupazionale è fermo

Lavoro: il settore occupazionale è fermo. Urgente stanziare investimenti per rilanciare il mercato del lavoro. 

L’Istat ha appena comunicato che il numero degli occupati nel primo trimestre del 2019 ha fatto registrare un impercettibile aumento del +0,1.

Un dato non certo confortante, che dimostra il grave immobilismo che da troppo tempo caratterizza il mercato del lavoro nel nostro Paese: il Governo sta colpevolmente e irresponsabilmente ignorando il drammatico problema della disoccupazione e non ha ancora avviato un serio piano di rilancio del settore occupazionale. Non ci si può limitare alle misure assistenziali: per restituire nuova linfa al mercato del lavoro è urgente stanziare investimenti per la crescita, lo sviluppo tecnologico, la ricerca e la modernizzazione delle infrastrutture, che diano uno slancio decisivo all’economia.

È altrettanto importante, inoltre, fare in modo che tali interventi siano determinanti non solo in termini di numero di posti di lavoro e di occupati ma anche che l’occupazione così creata sia un’occupazione stabile e di qualità.