#Monitoraggio povertà #Normativa

Monitoraggio settimanale sul contrasto alla povertà 05/11/2018

A cura del Forum Nazionale Terzo Settore – UfficioStudi e Documentazione

Seguici su www.alleanzacontrolapoverta.it   o su FACEBOOK  

 05/11/2018 – monitoraggio su provvedimenti e notizie circa il contrasto alla Povertà

CAMERA

Avvio in Commissione V Bilancio della discussione sul bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021 (esame C. 1334 Governo). Fra i vari provvedimenti è anche prevista la costituzione del Fondo per introduzione del reddito e delle pensioni di cittadinanza e per la revisione del sistema pensionistico con 9 mld€ di stanziamento. Saranno poi necessari successivi appositi provvedimenti normativi per dare corpo alla norma. Nel frattempo continuerà ad essere erogato il REI.

Di seguito il testo proposto:

Art. 21 Fondo per introduzione del reddito e delle pensioni di cittadinanza e per la revisione del sistema pensionistico

  1. Al fine dell’introduzione nell’ordinamento delle pensioni di cittadinanza e del reddito di cittadinanza, quest’ultima quale misura contro la povertà, la disuguaglianza all’esclusione sociale, a garanzia del diritto al lavoro, della libera scelta del lavoro, nonché il diritto all’informazione, all’istruzione, alla formazione, alla cultura, attraverso politiche volte al sostegno economico e all’inserimento sociale dei soggetti a rischio di emarginazione nella società e nel mondo del lavoro, è istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali un fondo denominato «Fondo per il reddito di cittadinanza», con una dotazione pari a 9.000 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2019. Con appositi provvedimenti normativi, nei limiti delle risorse di cui al primo periodo del presente comma, che costituiscono il relativo limite di spesa, si provvede a dare attuazione agli interventi ivi previsti. Fino alla data di entrata in vigore delle misure di cui al secondo periodo del presente comma nonché sulla base di quanto disciplinato dalle stesse continuano ad essere riconosciute le prestazioni relative al beneficio economico del ReI di cui al decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, e successive modificazioni e integrazioni, nel limite di spesa pari alle risorse destinate a tal fine dall’articolo 20, comma 1 del predetto decreto legislativo n. 147 del 2017, e sulla base delle procedure ivi indicate, le quali concorrono al raggiungimento del limite di spesa complessivo di cui al primo periodo del presente comma e sono accantonate in pari misura per il medesimo fine di cui al citato articolo 20, comma 1 del citato decreto legislativo n. 147 del 2017 nell’ambito del Fondo per il reddito di cittadinanza di cui al primo periodo del presente comma. Conseguentemente a decorrere dall’anno 2019 il Fondo Povertà di cui al decreto legislativo n. 147 del 2017 è ridotto di 2.198 milioni di euro per l’anno 2019, in 2.158 milioni di euro per l’anno 2020 e in 2.130 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021. (…)

REGIONI

Welfare: Bonaccini, in arrivo per le Regioni più di 723 milioni

mercoledì 31 ottobre 2018

Via libera ai riparti del fondo nazionale politiche sociali 2018 (266,7 milioni), del fondo per le non autosufficienze 2018 (447,2 milioni), del fondo per le politiche della famiglia 2018 (4,4 milioni) e delle risorse per interventi per coloro che – a causa di un provvedimento giudiziario – al compimento della maggiore età, vivano fuori dalla famiglia (5 milioni ogni anno, triennio 2018-2020).


ANCI

WELFARE – E’ ON LINE IL SITO FONDIWELFARE – LE RISORSE PER IL SOCIALE PROMOSSO DA ANCI E CITTALIA

[31-10-2018]

E’ da oggi on line FondiWelfare – Le risorse per il sociale, un progetto sperimentale realizzato da ANCI e Cittalia. Si tratta di un sito di approfondimento (disponibile anche sulle homepage di Anci (www.anci.it) e Cittalia (www.cittalia.it/fondiwelfare) che si occupa delle principali risorse dedicate alle politiche sociali, stanziate a livello nazionale e destinate a progetti ministeriali, enti territoriali e cittadini. Una ricognizione ragionata per macroaree di intervento, per destinatari delle risorse, con un focus sulla spesa sociale sostenuta direttamente dai Comuni.


WELFORUM

Reddito di Cittadinanza: le principali questioni poste dall’Alleanza contro la povertà

Cristiano Gori | 30 ottobre 2018
Cristiano Gori, ideatore e responsabile scientifico dell’Alleanza contro la povertà in Italia, sintetizza i principali punti di attenzione per l’attuazione del Reddito di Cittadinanza, a partire dalla capitalizzazione dei saperi e delle esperienze pregresse. LEGGI >


ABRUZZO


CAMPANIA


EMILIA ROMAGNA


FRIULI


LOMBARDIA


SICILIA


TOSCANA


VAL D’AOSTA


VENETO


MINISTERO DEL LAVORO – GUIDA E DOCUMENTAZIONE

Reddito di inclusione (REI)

Pagina del sito del Ministero con le informazioni sulla misura.


INPS –  GUIDA E MODULISTICA

Reddito di inclusione: guida alla misura di contrasto alla povertà

Pagina del sito dell’INPS con le informazioni sulla misura.


INPS – I DATI

Reddito di Inclusione (REI): i dati gennaio – settembre 2018

25 ottobre 2018

È stato pubblicato l’Osservatorio sul Reddito di Inclusione (REI) con i dati del periodo gennaio – settembre 2018, intervallo in cui sono stati erogati benefici economici a 379mila nuclei familiari  raggiungendo più di 1 milione di persone.

Dal 1° gennaio 2018 il REI ha sostituito un’altra misura di contrasto alla povertà, il SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva).

La maggior parte dei benefici vengono erogati nelle regioni del sud (69%) con interessamento del 72% delle persone coinvolte. Il 47% dei nuclei beneficiari di REI, che rappresentano oltre il 51% delle persone coinvolte, risiedono in sole due regioni: Campania e Sicilia; a seguire Calabria, Lazio, Lombardia e Puglia coprono un ulteriore 28% dei nuclei e il 27% delle persone coinvolte.

Il tasso di inclusione del REI, ovvero il numero di persone coinvolte ogni 10.000 abitanti, risulta nel periodo considerato a livello nazionale pari a 184; raggiunge i valori più alti nelle regioni Sicilia, Campania e Calabria (rispettivamente pari a 540, 517, 389) ed i valori minimi in Friuli Venezia Giulia e in Trentino Alto Adige (pari in entrambi i casi a 23).

L’importo medio mensile erogato nel periodo gennaio-settembre 2018, pari a 305 euro, risulta variabile a livello territoriale, con un intervallo tra i 239 euro della Valle d’Aosta ai 336 euro per la Campania.

Report trimestrale gennaio-settembre 2018 (pdf 425 Kb)


REGIONI – RIEPILOGO PIANI REGIONALI DI CONTRASTO ALLA POVERTA’ APPROVATI

PIEMONTE 09/03/18

LIGURIA 23/03/18

EMILIA ROMAGNA 14/06/18

MOLISE 14/07/18

UMBRIA 18/07/18

VENETO 01/08/18

CALABRIA 11/08/18

TOSCANA 17/09/18

  • 120 mlneuro per Piano regionale di contrasto alla povertà

 

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum