#Dati sul Terzo Settore

Istat. I numeri del Terzo settore

Una sintesi dei dati del censimento (2011) e delle successive rilevazioni campionarie dell’Istat (2015 – 2020) sulle istituzioni non profit

SETTORE NON PROFIT 2011 2015 2016 2017 2018 2019 2020
Istituzioni non profit  301.191 336.275 343.432 350.492 359.574 362.634 363.499
Dipendenti 680.811 788.126 812.706 844.775 853.476 861.919 870.183

 

(Dati alla rilevazione del 2019):
Gli enti non profit in Italia sono per lo più associazioni
: se ne contano oltre 308mila e rappresentano l’85% del totale ma che da un punto di vista occupazionale coprono solo il 18,9% dei lavoratori complessivi, con 163mila persone.

Da questo punto di vista, il vero motore sono le cooperative sociali, che pur rappresentando solo il 4,3% del numero di enti complessivo, offrono lavoro a oltre 456mila persone, circa il 53% del totale.

Si contano poi quasi 8mila fondazioni con oltre 102mila addetti retribuiti e rimangono le quasi 40mila” altre forme giuridiche” che danno lavoro a oltre 138mila persone.

Le istituzioni non profit sono un fenomeno diffuso capillarmente in tutto il Paese ma a farla da padrone è il Nord Italia con oltre 182mila enti, e dove si concentra anche la maggior parte dei lavoratori, quasi 500mila persone.

Segue il Centro con oltre 80mila enti e 193mila addetti retribuiti, il Sud con oltre 64mila organizzazioni e 105mila lavoratori e le isole con 34mila unità e quasi 63mila persone impiegate.

La diffusione è comunque in aumento nel Mezzogiorno. Nel 2019, analogamente all’anno precedente, le istituzioni crescono di più al Sud (1,8%), nelle Isole (+1,2%) e al Centro (+1,1%) rispetto al Nord (+0,3%), in particolare in Molise (+4,7%), Calabria (+3,2%), provincia autonoma di Bolzano (+2,6%) e Puglia (+2,6%).

I settori di attività

Il non profit in Italia interviene soprattutto in ambito culturale, sportivo e ricreativo con oltre 230mila enti (63,6%). Una fetta imponente, ma che dà lavoro solo al 6,2% del totale con 52mila persone.

Il settore con maggiore capacità di creare posti di lavoro è l’assistenza sociale e la protezione civile, una rete che conta oltre 34mila enti (9,5%) e oltre 324mila persone retribuite.

Numericamente, quasi 24mila enti si occupano di relazioni sindacali e rappresentanza di interessi, 17mila di religione e quasi 14mila istruzione e ricerca (altro motore occupazionale con più di 128mila lavoratori) e oltre 13mila enti sono impiegati nel settore sanitario, che impiega oltre 188mila persone.

Seguono 6.600 enti che si occupano di sviluppo economico e coesione sociale che impiega oltre 102mila persone, 6.300 di tutela dei diritti e attività politica, 5.900 di ambiente, 4.500 di cooperazione e solidarietà internazionale, 4.000 di filantropia e promozione del volontariato e 1.900 di altre attività.


Tutti i documenti ISTAT

Qui il focus realizzato dall’Istat

A questo link la sintesi dell’indagine

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2015

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2016

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2017

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2018

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2019

Qui i dati relativi all’indagine svolta nel 2020

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum