#5 per mille #Notizie

5 per mille 2010 – online i pagamenti

 

Pubblicato l’elenco dei pagamenti effettuati nell’anno 2012 sul sito del Ministero per le Politiche Sociali 

Sono disponibili gli elenchi dei pagamenti effettuati per le associazioni di volontariato, di promozione sociale e le altre organizzazioni non lucrative di utilita’sociale relativi al Cinque per mille dell’anno 2010 (dichiarazione del 2011 relativa ai redditi del 2010), suddivisi in due categorie: 


• Elenco dei beneficiari di importi superiori a 500 mila euro 

• Elenco dei beneficiari di importi inferiori a 500 mila euro 





Per approfondimenti vai alla Sezione dedicata.

 

Riportiamo inoltre un articolo tratto da vita.it

Articolo di Gabriella Meroni

Pubblicato per la prima volta un elenco dei pagamenti alle organizzazioni, quelle destinatarie del beneficio di due anni fa. Una mossa che consente un controllo incrociato anche da parte degli enti

Ieri 19 novembre il ministero per le Politiche Sociali ha pblicato sul proprio sito gli elenchi dei pagamenti effettuati agli enti beneficiari del 5 per mille 2010 (redditi 2009 e non, come scritto dal Ministero, 2011 su redditi 2010…).

Per semplificare, sono stati messi online due elenchi: quello degli enti che hanno ricevuto importi superiori a 500 mila euro (39 in tutto), e quelli degli enti che hanno ricevuto importi inferiori (in tutto 22.736). Tre le organizzazioni più premiate figurano al primo posto Emergency (con oltre 10 milioni di euro) seguita da Medici Senza Frontiere (8,4 milioni) e dalll’Airc (6,2 milioni).

Si tratta di un primo gesto di trasparenza totale da parte del Ministero, che consente alle associazioni di verificare  se è stato loro effettuato o meno il pagamento, e in caso contrario chiedere chiarimenti. Il capo dell’ex Direzione Generale per il Volontariato del ministero, Danilo Festa, aveva dichiarato a vita.it di aver provveduto al pagamento di oltre l’88% degli importi, e ora ha voluto darne chiara manifestazione. Chi si vedesse escluso, sa a chi rivolgersi.

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum