#Territorio

FQTS SICILIA – “Welfare e Nuove Povertà”

 

Si svolgerà a Messina nel pomeriggio di venerdì 17 maggio, ore 15.00-19.30, nel Salone degli Specchi della Provincia, il seminario della Formazione Quadri del Terzo settore (FQTS) dal titolo “Welfare e Nuove Povertà” promosso da Forum Terzo Settore, CSV Net, Con.vol e Consulta del Volontariato e finanziato dalla Fondazione con il Sud. 

Il progetto, nel suo complesso, prevede l’implementazione di attività di ricerca e di analisi dei fabbisogni territoriali, seminari regionali e interregionali, incontri con i responsabili nazionali del progetto, sperimentazione di reti d’intervento su mirati obiettivi di crescita. La finalità è l’infrastrutturazione sociale del Meridione, la formazione dei nuovi quadri dirigenti, intesa come volontà di sviluppo per l’intero Sud Italia.

L’attuale crisi e l’aumento considerevole dei tassi di povertà nella nostra Regione, impongono strategie nuove per poter invertire la rotta e garantire un sistema diffuso di protezione e di tutela dei diritti sociali.

È a partire da una riflessione sul welfare e sulle risposte che questo sistema può mettere in campo per riuscire a fronteggiare la crisi che il Terzo Settore siciliano potrà e dovrà trovare nuove modalità di intervento che gli permettano di indirizzare le scelte politiche, esercitando un ruolo da protagonista anziché di mera comparsa.

Interverranno Francesco Marsico, Vice Direttore Caritas, con una relazione dal titolo “Crisi, povertà e politiche di contrasto: una strategia incrementale e sussidiaria per la tutela dei diritti sociali” e Giuseppe Provenzano ricercatore Svimez su “La tutela dei diritti sociali al tempo della crisi della finanza pubblica: il caso Sicilia”.

Nella seconda parte del pomeriggio verranno approfonditi, in maniera interattiva,  alcuni esempi di buone prassi: Giulio Caio dell’Università di Bergamo  parlerà dell’esperienza di “Spazio Comune”, un progetto che si occupa di vulnerabilità e di cittadinanza attiva che dal 2010 connette laboratori, persone e organizzazioni di diverse regioni italiane prevalentemente sui temi del welfare; Roseline Eguabor, Presidente Al Revès e Rosalba Romano racconteranno come hanno scelto di occuparsi di riciclo tessile, critical fashion e servizi alle persone; Enzo Sanfilippo illustrerà l’arduo percorso dell’impresa di comunità e della cooperazione sociale in Sicilia.

Introdurrà i lavori Maria Lucia Serio, Coordinatore Sicilia del progetto FQTS e li concluderà Luciano Squillaci componente del Gruppo di Pilotaggio Nazionale. Modera Ernesto Miata, componente del Gruppo di pilotaggio Sicilia.

I lavori sono aperti a tutta la cittadinanza.

 

Programma

14.30 Registrazione partecipanti

Modera:  Ernesto Miata- Gruppo di Pilotaggio Sicilia

15.00 Saluti delle Autorità

15.15 Presentazione progetto formativo FQTS 2013 e Introduzione ai lavori – Maria Lucia Serio – Coordinatore Sicilia progetto FQTS

Crisi, povertà e politiche di contrasto: una strategia incrementale e sussidiaria per la tutela dei diritti sociali  Francesco Marsico – Vice Direttore Caritas

La tutela dei diritti sociali al tempo della crisi della finanza pubblica: il caso Sicilia, Giuseppe Provenzano – Ricercatore SVIMEZ

Conclusioni: Luciano Squillaci- Gruppo di Pilotaggio nazionale FQTS

Dibattito

17.30-19.30  Presentazione Buone prassi

Le sfide della vulnerabilità tra crisi e nuove forme di partecipazione: l’esperienza di Spazio Comune – Giulio Caio, Formatore Università di Bergamo

“Smettila di frignare e prendi una decisione”: Sartoria Sociale at work – Roseline Eguabor, Presidente Al Revès, Società Cooperativa sociale e Rosalba Romano, Assistente Sociale Specialista

”…si può fare? l’arduo percorso dell’impresa di comunità e della cooperazione sociale in Sicilia”

– Enzo Sanfilippo, Coordinamento Si può fare- Per il lavoro di Comunità di Palermo.

 

Messina, 14 maggio 2013

Ufficio Stampa Cesv Messina Marco Olivieri

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum