#Anziani #Azzardo patologico #Associati

Auser – Presentazione indagine su anziani e gioco d’azzardo

anziani-azzardo

Ricerca nazionale su anziani e gioco d’azzardo

Gioco d’azzardo ”legale“ e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser

Gli anziani rappresentano oggi uno dei target d’elezione per il mercato del gioco d’azzardo e sempre più over 65 rischiano di cadere vittime della dipendenza.

Tra i fattori di rischio la perdita del ruolo sociale, l’isolamento e la solitudine.
L’indagine Anziani e Azzardo, condotta da Gruppo Abele, Auser Nazionale e in collaborazione con Libera, ha esplorato il  comportamento di gioco d’azzardo  di circa 1000 anziani  over 65 in 15 regioni d’Italia.

In sintesi alcuni dati:

frequenza: il 70,7% dei partecipanti all’indagine ha giocato d’azzardo almeno una volta nel corso dell’anno precedente lo studio; tra i vari giochi, quelli maggiormente utilizzati dai rispondenti sono stati gratta e vinci e lotterie istantanee, Lotto e Superenalotto, sia tra quanti dichiarano di aver giocato “qualche volta l’anno”, sia tra coloro che giocano “qualche volta al mese”, sia tra chi gioca “qualche volta alla settimana”;

giochi preferiti: il 30% circa dei giocatori over 65 a predilige giochi come Lotto e Superenalotto, il 26,6% gratta e vinci e lotterie istantanee, il 15% il totocalcio e totip, il 10,2% i giochi di carte a soldi, il 3,8% slot e video lottery:

luoghi: si gioca prevalentemente presso ricevitorie e tabaccherie (44,9%), seguiti da bar (24%), abitazione privata (8%) e centri commerciali (6,4%);

motivazioni: gli intervistati, per lo più uomini e pensionati, dichiarano di giocare prevalentemente per vincere denaro (45,3%), per divertimento (19,7%), per incontrare persone (8,8%).

La ricerca completa: L’azzardo non è un gioco

 

Per ulteriori informazioni:

Manuela Battista  Ufficio Comunicazione e Stampa Gruppo Abele
011 3841072 – mbattista@gruppoabele.org

Giusy Colmo – Ufficio stampa Auser Nazionale
06 84407725 – ufficiostampa@auser.it

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum