#Ambiente e territorio #Associati

Earth day – Si celebra oggi, in 190 paesi del mondo, la Giornata dedicata all’ambiente e alla salvaguardia del nostro pianeta

earthdaySi celebra oggi, 22 aprile,  in 190 paesi del mondo, la Giornata dedicata all’ambiente e alla salvaguardia del nostro pianeta. Il tema di questa 44° edizione è le “green cities”, città verdi, e più di un miliardo di persone parteciperanno ad iniziative di educazione e rispetto dell’ambiente, incontrando gli amministratori cittadini, piantando alberi ed insegnando alle generazioni future come prendersi cura del pianeta in cui viviamo, per agire tutti insieme contro il disastro climatico.

 

Il Commento di Legambiente: Oggi si festeggia la 44esima giornata della terra. Vogliamo che sia l’ultimo anniversario senza i delitti contro l’ambiente nel Codice Penale” 

Roma, 22 aprile 2014  – Chi inquina suoli e sottosuoli in Italia spesso guadagna cifre astronomiche, danneggia il paesaggio, mette a rischio la salute delle persone e nonostante tutto ciò, spesso la fa franca. O se viene raggiunto dalla giustizia può cavarsela con una multa.

“E’ ora di dire basta. Il Senato ha ora l’opportunità di approvare il provvedimento per inserire i reati ambientali nel codice penale e di affrontare quindi con nuove e più efficaci strumenti una piaga che da molti anni sta devastando il nostro Paese”. Così la direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni ha dichiarato in occasione dell’Earth day che si festeggia oggi in tutto il mondo: “Ogni anno in Italia si contano oltre 30 mila reati contro l’ambiente; un’attività che frutta a chi delinque distruggendo la speranza di un futuro migliore, oltre 16 miliardi di euro. L’introduzione dei delitti
ambientali nel codice penale, riforma di civiltà che aspettiamo da oltre 20 anni, rappresenta una nuova e più efficace forma di lotta contro le ecomafie, uno strumento decisivo per aiutare le forze dell’ordine ad assicurare alla giustizia i colpevoli di ecocidio e a impedire nuove situazioni drammatiche come quella della Terra dei fuochi, di Quirra o della Valle del Sacco”.

In occasione dell’Earth day Legambiente torna a chiedere al Parlamento di fare presto approvando al più presto provvedimento già approvato alla Camera, sicuramente perfettibile, ma necessario a rendere più efficace il contrasto all’illegalità ambientale, adeguando il nostro codice penale anche alla normativa europea in materia (direttiva n. 2008/99/ce).

“Da oltre 20 anni attendiamo questa riforma – ha concluso Rossella Muroni -. Speriamo che questo del 2014 sia l’ultimo Earth day ancora senza legge contro i crimini ambientali. Perché per festeggiare al meglio il Pianeta dobbiamo cominciare col fare un regalo di speranza all’Italia”.
L’Ufficio stampa: 06.86268376 – 53

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum