#Infanzia e giovani #Istat #Lavoro #Associati

Adiconsum – Cresce ad aprile la fiducia degli italiani, ma non sull’occupazione

Dati in crescitaCommento ai dati Istat: segno più di tutte le voci, stabili le attese sull’occupazione e sul risparmio futuro, in calo il risparmio attuale

28 aprile 2014

Tutti in aumento i dati relativi alle voci che compongono il clima di fiducia degli italiani, secondo le rilevazioni diffuse dall’Istat per il mese di aprile.

Ecco le voci e loro sono:

·         clima economico, clima personale, clima corrente e clima futuro: in aumento

·         giudizi e attese sulla situazione economica: in aumento

·         giudizi e attese sulla situazione economica della famiglia: in aumento

·         giudizi sul bilancio familiare: in aumento

·         opportunità all’acquisto di beni durevoli: in aumento

Invariate le voci relative alle attese sulla disoccupazione e sulle possibilità future di risparmio.

Unica voce in calo quella relativa all’opportunità attuale di risparmio.

A livello territoriale il clima di fiducia è aumentato in tutte le aree: Nord-ovest, Nord-est, Centro e Mezzogiorno.

Certo non si è in una fase di recupero pieno dell’economia – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – in quanto pesa enormemente, e i dati Istat lo rilevano, la mancanza d fiducia nell’occupazione che, purtroppo, è segnata da migliaia di ore di cassa integrazione e da una disoccupazione per giovani e donne a due cifre. La vera emergenza oggi è il lavoro ed esso non si crea con le leggi Fornero – continua Giordano – ma solo continuando ad operare attraverso il taglio delle tasse sui lavoratori e pensionati e sulle aziende che investono in occupazione. Per avere fiducia da parte dei consumatori bisogna dare fiducia – conclude Giordano – invertendo il meccanismo che vedeva, e continua purtroppo a vedere, lo Stato come nemico e non come alleato nei momenti di crisi. Per fare ciò infine, ma non ultimo, è necessario  tagliare chirurgicamente, ma pesantemente gli sprechi della pubblica amministrazione, spesso dovuti a interessi politici e clientelari insopportabili, oltreché a corruzione diffusa come dimostrano le recenti vicende assurte alla cronaca nella maggioranza delle Regioni del Paese.”

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum