#Azzardo patologico #Associati

Associazioni varie – Campagna Mettiamoci in gioco

COMUNICATO STAMPA

Il gioco d’azzardo patologico deve rientrare nei Livelli essenziali di assistenza

La campagna “Mettiamoci in gioco” chiede al ministro della Salute il rispetto degli impegni presi in più occasioni

Roma, 29 gennaio 2015

 

“Apprendiamo dalla stampa”, dichiara don Armando Zappolini, portavoce di Mettiamoci in gioco, la campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo, “che la prossima settimana il ministro della Salute Beatrice Lorenzin presenterà alle Regioni i livelli essenziali di assistenza. In essi, per quanto ne sappiamo, non viene citato esplicitamente il gioco d’azzardo patologico (Gap). Ci attendiamo che ciò dipenda dal fatto che il Gap viene implicitamente incluso nel novero delle dipendenze. Qualora, invece, si profilasse un’esclusione di tale patologia, davvero clamorosa vista l’entità e la gravità del fenomeno e gli impegni assunti più volte, pubblicamente, dal ministro Lorenzin, si tratterebbe di un fatto gravissimo su cui sia noi sia altri soggetti impegnati sul tema ci mobiliteremmo con grande energia.”

La campagna Mettiamoci in gioco ricorda che già il decreto Balduzzi prevedeva l’inclusione del Gap nei livelli essenziali e che la stessa legge di stabilità stanzia 50 milioni di euro per tale problema. “Sarebbe del tutto incoerente e anche piuttosto avvilente”, conclude don Zappolini “se si decidesse di (non) procedere con il passo del gambero.”
Info:

Mariano Bottaccio
cell. 329 2928070 – email: ufficiostampa@mettiamociingioco.org
www.mettiamociingioco.org

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum