#Notizie

PAC – Piano Azione e Coesione. Partono a marzo gli incontri nelle prefetture

Pac18 febbraio 2015
Fonte: http://www.interno.gov.it/it/notizie/piano-azione-e-coesione-partono-marzo-incontri-nelle-prefetture

Facilitare la presentazione dei progetti per inserire bambini nei nidi e prestare assistenza agli anziani non autosufficienti. Questi gli obiettivi del Programma Nazionale Servizi di cura all’infanzia e agli anziani non autosufficienti del Piano Azione e Coesione*, che potranno essere conseguiti con le risorse del Secondo Riparto (circa 393 milioni di euro) da parte di tutti i Comuni delle Regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

A tal fine sono previste, con inizio dalla prima settimana di marzo, incontri presso le Prefetture capoluogo di Regione con i Comuni beneficiari, per fornire supporto ed assistenza nella predisposizione dei progetti, che dovranno essere presentati agli uffici dell’Autorità di Gestione (all’indirizzo pec: protocollo.adgfondipac@pec.interno.it) entro il 25 aprile 2015.

A tali incontri saranno invitati anche i rappresentanti delle Regioni.

Gli Ambiti/Distretti di ogni Regione saranno seguiti da personale dell’assistenza tecnica i cui referenti sono:

REGIONE CAMPANIA – Dott.ssa Paola SABADIN
REGIONE CALABRIA – Dott. Marco MAGRASSI
REGIONE PUGLIA – Dott.ssa Iolanda ANSELMO
REGIONE SICILIA – Dott. Claudio MARTELLI

_____________________

*Il Piano Azione e Coesione

​‘Servizi di cura all’infanzia e agli anziani non autosufficienti’ è un programma nazionale che si colloca nell’ambito del Piano d’azione Coesione (Pac)

Servizi di cura all'infanzia e agli anziani

E’ di competenza del ministro per la Coesione Territoriale ed è stato avviato, d’intesa con la Commissione europea, per accelerare l’attuazione di programmi finalizzati a favorire la coesione tra le regioni dell’Unione europea riducendo le disparità esistenti.

Il Programma nazionale

Ha una durata triennale, dal 2013 al 2015, che è stata prorogata al 2017. La sua attuazione è stata affidata al ministero dell’Interno, individuato quale autorità di gestione responsabile.
Le risorse stanziate sono destinate alle 4 regioni ricomprese nell’obiettivo europeo “Convergenza”: Calabria,Campania, Puglia, Sicilia.
La strategia del programma è quella di mettere in campo un intervento aggiuntivo rispetto alle risorse già disponibili.

Di conseguenza, i beneficiari naturali del programma sono i Comuni, perché soggetti responsabili dell’erogazione dei servizi di cura sul territorio. Essi potranno avere accesso alle risorse una volta soddisfatti i requisiti organizzativi e progettuali richiesti dai piani territoriali di riparto.

L’obiettivo posto è quello di potenziare nei territori ricompresi nelle 4 regioni l’offerta dei servizi all’infanzia (0-3 anni) e gli anziani non autosufficienti (over 65), riducendo l’attuale divario di offerta rispetto al resto del Paese.

La dotazione finanziaria è di 730 milioni, di cui 400 per i servizi di cura all’infanzia e 330 agli anziani non autosufficienti.
Le risorse saranno ripartite secondo piani regionali di intervento. Con questa scelta si vuole favorire la presentazione e l’attuazione di progetti differenziati in relazione alle diverse normative regionali e alle diverse realtà territoriali.
I risultati attesi per i due ambiti di intervento sono i seguenti:

1) servizi all’infanzia:

  • aumento strutturale dell’offerta di servizi (asili nido pubblici o convenzionati; servizi integrativi e innovativi);
  • estensione della copertura territoriale e sostegno alla gestione delle strutture;
  • sostegno alla domanda e accelerazione dell’entrata in funzione delle nuove strutture;
  • miglioramento della qualità e della gestione dei servizi socio educativi.

2) servizi agli anziani non autosufficienti:

  • aumento del numero di anziani in assistenza domiciliare;
  • aumento e qualificazione dell’offerta di servizi residenziali e semiresidenziali;
  • miglioramento delle competenze di manager, operatori professionali e assistenti familiari;
  • sperimentazione di protocolli innovativi di presa in carico personalizzata dell’anziano socialmente “fragile”.

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum