#Integrazione #Migranti #Sport sociale #Associati

CSEN – “European Day of Integrated Sport”, evento conclusivo

csen eventoGiovedi 19 Novembre 2015

L’ Evento conclusivo del progetto “EUROPEAN DAY OF INTEGRATED SPORT” si svolgerà a Roma, giovedì 19 novembre 2015, presso l’Università degli Studi di Roma “Foro Italico” in Piazza Lauro de Bosis 6, Aula MA5, dalle ore 12.00 alle ore 14.00.

Il C.S.E.N., Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, ha organizzato il 23 maggio 2015 in 12 città italiane il primo evento sportivo internazionale di sport integrato promosso dall’Unione Europea. Un grande riconoscimento per il C.S.E.N. e per l’Italia, a testimonianza del costante impegno da parte della Presidenza Nazionale e dei Dirigenti Territoriali in favore dello Sport Integrato. Con questa decisione, l’Unione Europea promuove lo sport integrato come elemento di inclusione sociale delle persone con disabilità favorendo un piano di educazione all’accoglienza e all’integrazione attraverso la pratica sportiva. Dopo due anni di edizioni nazionali della Giornata dedicata allo Sport Integrato, l’evento del C.S.E.N. si trasforma in un grande appuntamento europeo con la partecipazione di 16 organizzazioni sportive di 12 diversi Paesi: Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Lituania, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna, Turchia.

Il 23 maggio sono state realizzate gare e dimostrazioni sportive di 12 discipline integrate che hanno visto la partecipazione di 5320 atleti e campioni disabili e non disabili italiani ed europei. L’Evento si è svolto in contemporanea in 12 città di altrettante regioni, in collegamento audio e video per amplificare l’impatto del progetto a livello internazionale favorendo la visione in streaming, sul canale youtoube EDIS2015, delle diverse discipline sportive, delle quali 8 individuali (scherma in carrozzina, danza, equitazione, tennis tavolo, judo integrato, karate integrato, tiro con l’arco e trio agility dog), e 4 di squadra (calcio a 5, football integrato, baskin e basketball totalmente integrato). L’Evento è stato preceduto da una serie di iniziative nazionali e internazionali che hanno visto il coinvolgimento degli operatori del settore, come le cooperative sociali che si occupano dell’assistenza dei disabili, tesi alla promozione di questa nuova forma di integrazione attraverso lo sport.
Diversi atleti olimpici e azzurri hanno prestato il loro volto per supportare l’European Day of Integrated Sport. Tra questi, l’olimpionico di pugilato Roberto Cammarelle, l’argento olimpico di canottaggio Romano Battisti, la campionessa mondiale giovanile di pugilato Irma Testa, l’olimpionico di ginnastica Igor Cassina, la portabandiera azzurra alle Paralimpiadi di Torino 2006 Melania Corradini, le due azzurre di pentathlon moderno Clara Cesarini e Francesca Tognetti, la squadra di basket di Serie A Enel Brindisi.

Il volantino dell’evento

I NUMERI DELL’EVENTO
320 atleti da 12 Nazioni
5000 atleti italiani
254 tecnici
96 associazioni sportive italiane coinvolte
16 associazioni sportive europee coinvolte

L’obiettivo finale del progetto European Day of Integrated Sport è quello di definire un regolamento europeo degli sport integrati da condividere con le rispettive organizzazioni olimpiche nazionali.

Nell’incontro pubblico conclusivo del 19 Novembre 2015, organizzato in collaborazione con il Corso di Didattica e Pedagogia speciale dell’ Università degli Studi di Roma “Foro Italico”, saranno presentati i risultati del progetto, attraverso la distribuzione del materiale prodotto (Book Fotografico con il racconto della giornata ed il Calendario 2016) e la visione delle immagini raccolte in un cortometraggio video precedentemente preparato. Nell’incontro saranno invitati i referenti delle associazioni sportive, gli atleti, i familiari, le Istituzioni pubbliche, i mass media, gli studenti dell’Università, le imprese locali allo scopo di far conoscere il progetto realizzato e promuovere lo sport integrato come fattore di sviluppo sociale ed economico.

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum