#Inclusione sociale #Notizie

Da settembre via al SIA su tutto il territorio nazionale

povertà-Fonte: http://www.lavoro.gov.it/priorita/Pagine/Da-settembre-via-al-SIA-su-tutto-il-territorio-nazionale.aspx

19 luglio 2016

“Il Governo mette in campo un Piano nazionale di lotta alla povertà costruendo un’infrastruttura permanente”, con queste parole il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha annunciato la partenza da settembre del Sia, il Sostegno per l’Inclusione Attiva. Se ne è parlato questa mattina, a Roma, nella conferenza stampa presso la sede del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di Via Veneto svolta per illustrare le modalità di funzionamento del Sia, insieme con gli aggiornamenti sugli altri interventi previsti per contrastare il fenomeno della marginalità estrema e dei senza dimora, la povertà educativa e alimentare, la povertà dei disoccupati.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto interministeriale che interviene su questa materia, il SIA, già sperimentato in dodici città italiane, è stato completamente ridisegnato e viene esteso, a partire dal 2 settembre, a tutto il territorio nazionale. “È di fatto una misura ponte, un’anticipazione del reddito d’inclusione – spiega il Ministro – che sarà operativo a partire dal 2017, dopo l’approvazione della legge delega per il contrasto alla povertà da parte del Senato. Non è una misura assistenzialistica, abbiamo posto la condizione che ci sia la partecipazione a un percorso di accompagnamento per far uscire la persona o il nucleo familiare dalla situazione di emarginazione. In tutti gli interventi cerchiamo sempre di fare un’operazione che prevede il sostegno al reddito, l’inclusione e l’attivazione”.

Alla conferenza stampa ha preso parte anche Raffaele Tangorra, Direttore Generale per l’inclusione e le politiche sociali del Ministero. “Sulla base delle risorse disponibili – ha sottolineato Tangorra – non è possibile coprire tutta la platea delle famiglie con almeno un figlio minorenne o disabile, ovvero donna in stato di gravidanza, e ISEE inferiore a 3.000 euro. L’adozione di una scala di valutazione multidimensionale del bisogno permetterà comunque di raggiungere i più bisognosi, superando un approccio categoriale”.

Le risorse che la Legge di Stabilità 2016 assegna al Fondo nazionale per la lotta alla povertà ammontano a un miliardo di euro. “Cercheremo – ha concluso il Ministro Poletti – di ampliare l’area delle risorse disponibili a livello nazionale e regionale per rendere più omogeneo l’intervento sul territorio. Il mio obiettivo per l’anno prossimo è quello di raddoppiare le risorse del Sia, che per quest’anno sono 750 milioni, per arrivare progressivamente a coprire, con il reddito di inclusione, l’intera platea potenziale di un milione di minori in povertà assoluta. Avere uno strumento permanente è molto importante – ha aggiunto – stiamo costruendo un’infrastruttura che svilupperemo con un monitoraggio costante”.

Nei prossimi giorni sul sito del Ministero sarà pubblicato l’avviso pubblico per finanziare il rafforzamento dei servizi e gli interventi collegati al SIA da parte dei Comuni.

Leggi il vademecum completo sul “Funzionamento del SIA

Leggi il documento su “Le altre iniziative del Piano Povertà

 

Il Decreto Ministeriale sul SIA (Sostegno Inclusione Attiva) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale: http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2016-07-18&atto.codiceRedazionale=16A05212&elenco30giorni=true

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum