#Educazione e scuola #Associati

Unicef – In Iraq 16.000 bambini tornano a scuola

24 gennaio 2017 – Nella parte orientale di Mosul (Iraq), la scorsa domenica, con l’aiuto dell’Unicef, sono state riaperte 30 scuole e oltre 16.000 bambini hanno potuto riprendere il loro percorso formativo. Alcune scuole nell’area sono state chiuse per oltre due anni ed era vietato per le bambine ricevere un’istruzione.

“Fino a sole poche settimane fa, questi quartieri erano nella morsa delle violenze. Oggi, i ragazzi e le ragazze stanno rientrando nelle aule,” ha dichiarato Peter Hawkins, Rappresentante dell’Unicef in Iraq. “Dopo l’incubo degli ultimi due anni, questo è un momento cruciale affinché i bambini di Mosul reclamino il loro diritto all’istruzione e la loro speranza per un futuro migliore.”

Altre 40 scuole dovrebbero aprire nelle prossime settimane, in seguito a un controllo delle autorità locali sulla presenza di ordigni inesplosi, per accogliere un totale di 40.000 studenti.

L’Unicef sta supportando le autorità irachene a ripristinare, equipaggiare e aprire ulteriori scuole, quando le condizioni di sicurezza lo permetteranno. Molti edifici sono infatti stati utilizzati a scopi militari o danneggiati gravemente dai recenti scontri. L’assistenza fornita dall’Unicef comprende:

  • Fornitura di acqua e servizi igienico-sanitari nelle scuole.
  • Corsi di aggiornamento per insegnanti ed educatori.
  • Introduzione di programmi di apprendimento rapido per i bambini.
  • Campagne di sensibilizzazione contro la violenza.
  • Predisposizione di materiale scolastico per 120.000 studenti nella zona orientale di Mosul.

L’Unicef e i collaboratori che operano nel settore dell’istruzione stanno inoltre garantendo a 13.200 bambini recentemente sfollati, che vivono in accampamenti fuori da Mosul, di seguire corsi di matematica, scienze, lingua araba e inglese, in spazi temporanei per l’apprendimento.

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum