#Infanzia e giovani #Associati

Salesiani per il sociale – Msna, importante formare le famiglie per l’affidamento

Roma, 30 marzo 2017 – Ieri, dopo tre anni e mezzo di attesa, la legge 1658-B concernente le “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati” è stata approvata in via definitiva dal Parlamento. Ci uniamo alla soddisfazione che altre organizzazioni hanno espresso per questo traguardo di civiltà raggiunto. Come Salesiani per il Sociale da anni siamo impegnati nell’accoglienza dei msna (minori stranieri non accompagnati), ospiti sia dei 17 centri di prima accoglienza, sia delle 31 case famiglia sparse in tutta Italia.

“Di particolare interesse sono alcune disposizioni della legge, specie quelle che riguardano l’affidamento familiare (art. 7) e la figura del tutore volontario (art. 11)” – riferisce Don Giovanni D’Andrea, presidente di Salesiani per il Sociale. “L’affidamento familiare lo riteniamo una buona opportunità per l’accoglienza ed accompagnamento del minore: sarà, quindi, importante formare a questa “missione” le famiglie che si renderanno disponibili. Anche il tutore volontario andrà formato e in questo, a livello regionale, la nostra organizzazione potrà dare il suo contributo in accordo con l’ufficio del Garante dell’infanzia e dell’adolescenza”.

“E’ un modo – continua il presidente – per rispolverare l’idea progettuale del “se trovassero un amico che si prendesse cura di loro!”. Questa era la frase che Don Bosco si ripeteva di continuo quando andava in visita alle carceri della Generala di Torino dove erano rinchiusi parecchi minori. Un compito che ancora oggi, come salesiani, ci impegniamo a portare avanti. Oggi, questo importante testo è diventato legge ma adesso inizia il cammino, non sempre facile, dell’attuazione. In questo siamo sempre disponibili a collaborare con altre organizzazioni ed enti statali, così come già accade”.

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum