#Cultura #Associati

“Agire contro le paure per liberarsene”: Arci nell’Italia che cambia

Un milione di soci e socie, 4.401 circoli, 17 comitati regionali, 105 comitati provinciali: sono questi i numeri dell’Arci, la più grande associazione culturale  italiana di promozione sociale che ha tenuto il suo XVII Congresso nazionale dal 7 al 10 giugno a Pescara.

Il Consiglio ha riconfermato come presidente nazionale Francesca Chiavacci, al suo secondo mandato e prima donna nella storia dell’Arci a dirigere l’associazione.

Ci aspettano quattro anni di grande lavoro, in cui sarà necessario che l’Associazione riesca a farsi portatrice di un’idea di futuro fondata su uguaglianza e solidarietà. – ha dichiarato Chiavacci – Sappiamo che ci aspettano mesi duri perché il nuovo Governo si muove su un terreno che non contempla questi principi, anzi. Sui diritti sarà necessaria un’azione di resistenza, sarà necessario tornare nelle piazze e soprattutto saperle riempire. Sappiamo già che sarà ancor più necessaria la nostra azione culturale diffusa nei territori e per questo dovremo impegnarci ancora di più, per poter essere protagonisti della ricostruzione di un pensiero progressista e di sinistra, che oggi in Italia stenta a trovare la propria espressione.

La presidente ha poi espresso la vicinanza di tutta l’Associazione a Ilaria Cucchi: “Condividiamo la preoccupazione di Ilaria sulla grande difficoltà determinata dalla nomina di Matteo Salvini a Ministro dell’Interno per raggiungere finalmente la verità sulla morte di Stefano e dei tanti, troppi, che come lui sono morti nelle carceri del nostro Paese in circostanze e con modalità decisamente poco chiare”.

A questo link è possibile rivedere tutti gli interventi delle tre giornate di Congresso Arci: https://www.youtube.com/user/Arcinazionale/videos 

Arci è da sempre impegnata nella battaglia per il raggiungimento della verità e l’affermazione della giustizia, come dimostra anche la presenza, nel pomeriggio di ieri, del giovane Rudra Bianzino che ha emozionato la platea congressuale raccontando la storia del padre Aldo, morto solo dopo 48 ore di detenzione senza che alla famiglia fosse fornita una spiegazione credibile.

Rudra ha lanciato dal palco del congresso Arci la propria petizione perché il dramma che ha travolto la sua famiglia non venga dimenticato e perché la magistratura indaghi sulle vere cause del decesso del padre così come di tutti gli altri casi simili.

“Agire contro le paure per liberarsene” è stato il tema centrale di questo appuntamento, nella convinzione che per esorcizzare la solitudine e le paure che caratterizzano questo nostro tempo carico di difficoltà e incertezze,  segnato da una profonda crisi sociale, culturale e democratica, siano indispensabili più cultura e solidarietà.

Sono stati 530 i delegati e le delegate chiamati a portare il loro contributo nei quattro giorni del congresso, ma tante e tanti anche gli/le ospiti esterni/e che hanno partecipato.

Qui il programma del Congresso.

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum