#Dal Parlamento #Normativa

Dal Parlamento – notizie per il Terzo settore 16/03/2020

Attività di Camera, Senato e Governo 16/03/20 – 20/03/20. Alcuni DDL di possibile interesse per il Terzo Settore.
Promemoria a cura del Forum Nazionale Terzo Settore – Ufficio Studi e Documentazione


SENATO

  • In settimana non sono previste attività né delle Commissioni né dell’Assemblea

CAMERA

  • mercoledì 18 marzo, alle ore 15, la Camera è convocata l’Assemblea per Comunicazioni del Presidente.
  • In settimana non sono previste attività delle Commissioni

GOVERNO – EMERGENZA CORONAVIRUS

 

#IORESTOACASA – CHIARIMENTI A QUESITI PER IL TERZO SETTORE

A seguito della emergenza epidemiologica del coronavirus, in questi giorni il Governo ha emanato alcuni provvedimenti restrittivi.

Sul sito del Governo (nella pagina “Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo) vengono pubblicato diversi chiarimenti a FAQ che possono riguardare anche il Terzo settore (in continuo aggiornamento) e che riportiamo di seguito.

Invitiamo anche a consultare periodicamente il seguente sito: Ministero della Salute FAQ – Covid-19, domande e risposte

SERVIZI SOCIALI

I servizi sociali saranno funzionanti (consultori, sert, centri diurni, centri per senza tetto)? Sì, non è prevista alcuna sospensione per questi servizi.

Nei centri sociali per i quali è prevista la sospensione di attività, sono compresi quelli che erogano servizi sociali (disciplinati dalle normative nazionali o regionali) di settore come i  centri diurni per persone con difficoltà di carattere sociale (comprensivo dei servizi di mensa, igiene personale ecc.), gli empori sociali per persone in povertà estrema, i centri polivalenti per anziani e diversamente abili e i centri di ascolto per famiglie che erogano, tra l’altro, consulenze specialistiche, attività di mediazione familiare e spazi neutri su disposizione dell’autorità giudiziaria e, infine, i centri antiviolenza? Sono sospese soltanto le attività dei servizi diurni con finalità meramente ludico ricreative o di socializzazione o animazione che non costituiscono servizi pubblici essenziali. I centri elencati, che assicurano servizi strumentali al diritto alla salute o altri diritti fondamentali della persona (alimentazione, igiene, accesso a prestazioni specialistiche ecc.), possono proseguire la propria attività. Devono comunque garantire condizioni strutturali e organizzative che consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Le associazioni di volontariato che somministrano pasti o servizi alle fasce di popolazione debole, possono continuare ad erogare i loro servizi alla luce delle previsioni contenute nel DPCM dell’11 marzo 2020? Sì. Il DPCM dell’11 marzo 2020, sospende le attività di ristorazione, ad eccezione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, purché garantiscano la distanza di sicurezza inter personale di un metro. È da ritenersi che pur essendo a titolo gratuito, tali servizi, possano rientrare nella fattispecie indicata. È comunque opportuno che tali attività vengano sottoposte a coordinamento da parte dei servizi sociali pubblici territoriali.

Vi sono servizi sociali svolti da organizzazioni di volontariato anche in convenzione con Enti locali a favore di persone impossibilitate a muoversi dal proprio domicilio che comportano lo spostamento dei volontari sia all’interno del proprio Comune e a volte anche in comuni limitrofi. Si tratta di servizi di distribuzione alimentare a domicilio per disabili o anziani senza assistenza oppure di consegna di farmaci o altri generi di prima necessità, o anche del disbrigo di pratiche o del pagamento di bollette. Sono servizi che spesso vengono svolti in accordo con gli assistenti sociali di riferimento e quindi inderogabilmente necessari per la salute e la soddisfazione di bisogni primari degli utenti. Servizi sociali con queste caratteristiche possono essere considerati “necessari” consentendo quindi ai volontari di muoversi senza incorrere in sanzioni e senza interrompere l’attività? Sì, rientrano tra i servizi che si possono continuare a erogare, sempre mantenendo la distanza interpersonale di 1 metro dagli altri operatori e dagli utenti, o, comunque, utilizzando i presidi sanitari necessari, ove questo non sia possibile

LAVORO

La modalità di “lavoro agile” (o lavoro a distanza) può essere applicata dal datore di lavoro pubblico e privato a tutti i lavoratori? Sì. Sono previste modalità semplificate e temporanee di accesso al lavoro agile e non ci sono limiti, considerato che anche la normativa vigente prima dello stato d’emergenza sanitaria non prevedeva una soglia massima di lavoratori in questa modalità.

Lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile di cui al DPCM 11 marzo 2020 è previsto fino alla fine dello Stato di emergenza oppure per il solo periodo di applicazione del DPCM 11 marzo 2020, e dunque fino al 25 marzo?Lo svolgimento del lavoro in modalità agile è previsto fino al 25 marzo 2020, ossia per il periodo in cui è prevista l’applicazione delle misure straordinarie disposte dal DPCM 11 marzo 2020.

I rapporti di lavoro di colf, badanti e baby-sitter rientrano nella sospensione delle attività inerenti “i servizi alle persone”, disposta dall’art. 1, punto 3), del DPCM dell’11 marzo 2020? No. Tali prestazioni lavorative non rientrano tra i servizi alla persona, oggetto di sospensione.

CERIMONIE, EVENTI E ATTIVITA’ RICREATIVE

Cosa prevede il decreto su cerimonie, eventi e spettacoli? Su tutto il territorio nazionale sono sospese tutte le manifestazioni organizzate nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico (quali, a titolo d’esempio, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati).

Cosa è previsto per teatri, cinema, musei, archivi, biblioteche e altri luoghi della cultura? Ne è prevista la chiusura al pubblico su tutto il territorio nazionale.

I Circoli ricreativi per persone anziane restano aperti? No, le attività ricreative dedicate alle persone anziane autosufficienti sono sospese.


CORONAVIRUS – AGGIORNAMENTI E DISPOSIZIONI PER IL TERZO SETTORE

In questi giorni di emergenza per il nostro Paese sono diverse le Istituzioni pubbliche che emanano provvedimenti o forniscono chiarimenti circa il contrasto al coronavirus. 

I cittadini tutti, in specie le persone più fragili, affrontano certamente momenti di incertezza e difficoltà.  Diversi ETS sono direttamente impegnati sul fronte del COVID-19; molti altri sono impegnati a sostenere le loro comunità; tutti gli ETS – associazioni, gruppi di volontariato, cooperative e imprese sociali – sono comunque a vario titolo colpiti dai provvedimenti.

In questa pagina – in aggiornamento continuo – daremo conto dei principali provvedimenti assunti dalle diverse Istituzioni che possono riguardare gli enti del Terzo settore, così da averne una adeguata conoscenza e corretta e ampia diffusione.

 data Ente contenuto note
14/03/2020 Governo sindacati imprese Protocollo

 

protocollo per limitare il contagio negli ambienti di lavoro.
12/03/2020 INPS Circolare 38 Istruzioni su accesso alla Cassa Integrazione per la “zona rossa”
11/03/2020 Governo FAQ sui DPCM Risposte a Domande sui contenuti dei DPCM
11/03/2020 Governo DPCM Ulteriori restrizioni (blocco attività etc.)
11/03/2020 Min Lavoro Nota Chiarimento circa: l’estensione anche regionale della sospensione dei termini dei progetti avviso 1/2017 e avviso 2/2018; lo slittamento della data di sospensione in accordo con le più generali disposizioni previste nei DPCM (quindi ora fissato al 03(04/2020)
11/03/2020 INAIL Circolare n. 7 Sospensione adempimenti e pagamenti per l’area “zona rossa”
10/03/2020 Dipartimento Servizio Civile Circolare Ulteriori disposizioni gli enti di servizi civile
10/03/2020 ministero della Salute circolare spostamenti consentiti ai donatori di sangue e operatori.

 

10/03/2020 Governo FAQ sui DPCM sulle misure per le persone con disabilità Risposte a Domande frequenti sulle misure per le persone con disabilità
10/03/2020 Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo Lettera Proroga dei progetti
09/03/2020 Governo DPCM Ampliamento a tutta Italia delle limitazioni
09/03/2020 Governo DL 14/2020 L’art 6 sospende incompatibilita’ tra volontario e la possibilità di essere anche lavoratore
08/03/2020   Circolare Circolare recante indicazioni agli enti di servizio civile in relazione all’impiego degli operatori volontari nell’ambito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
08/03/2020 Governo DCPM Ulteriori misure di contrasto al Coronavirus (istituzione di 2 zone: zona rossa e resto Italia)
05/03/2020 Parlamento Conversione in Legge del DL 06/20 del 23/02/20 testo coordinato   «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19

 

02/03/2020 Governo DL 2 marzo 2020, n. 9

 

Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. All’art 31 è previsto un ampliamento

delle donazioni anti spreco per il rilancio della solidarieta’ sociale.

28/02/2020 Min Lavoro Nota Sospensione dei termini dei progetti nazionali avviso 1/2017 e avviso 2/2018
25/02/2020 Governo DPCM misure di contrasto al Coronavirus (istituzione della zona gialla)
23/02/2020 Governo DPCM misure di contrasto al Coronavirus nei Comuni della “zona rossa”

Modulo di autodichiarazione in pdf — Modulo autodichiarazione in word  del Ministero dell’Interno aggiornato al Dpcm 9 marzo.

Al seguente link sono riportare in ordine cronologico tutti i provvedimenti adottati dal Governo

 

 

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum