#Coronavirus #Territorio

FTS Piemonte – Non dimenticate l’assistenza ai più deboli. Appello alla protezione civile

APPELLO DEL TERZO SETTORE ALLE UNITA’ DI CRISI E ALLA PROTEZIONE CIVILE: NON DIMENTICATE L’ASSISTENZA AI PIU’ DEBOLI

Il Forum Terzo Settore in Piemonte: “Servono urgentemente i dispositivi di protezione per consentire agli operatori socio-sanitari, ai cooperatori sociali e ai volontari, a tutti gli attori del welfare, di prendersi cura delle persone.  Non possiamo abbandonare anziani o disabili  minori, le persone in carico ai servizi di psichiatria, e le persone che vivono ai margini a loro stesse.”

Torino, 25 marzo 2020. “Mancano i presidi sanitari di protezione per gli operatori sociosanitari  e per gli addetti alle pulizie e sanificazione, tra cui molte cooperative sociali di inserimento lavorativo” denuncia Anna Di Mascio, portavoce del Forum Terzo Settore in Piemonte, con un appello alle Unità di Crisi e alla Protezione Civile.  

“Alle associazioni di promozione sociale e di volontariato, alle cooperative sociali sono infatti affidate le cure di anziani soli, disabili, minori, migranti. Il loro storico impegno a servizio delle comunità e delle famiglie rischia oggi, nel momento più difficile, di vanificarsi perché, non disponendo di presidi sanitari, espongono gravemente a rischio di contagio loro stessi e gli assistiti”. 

“Mascherine, camici, occhiali di protezione, guanti, liquidi igienizzanti, termometri a infrarossi, tute di protezione per agenti biologici” prosegue Anna Di Mascio “manca tutto e ne abbiamo bisogno con urgenza estrema”.


Forum Terzo Settore in Piemonte, l’associazione riconosciuta come la più rappresentativa  per gli Enti del Terzo Settore (associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, imprese sociali e cooperative sociali, società di mutuo soccorso). A questa realtà aderiscono 33 reti associative nazionali e regionali che rappresentano a loro volta 5.704 enti di primo livello.

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum